Menu

Sempre e comunque in auto

12/01/2021 - Tra coloro che ancora non possiedono un’automobile i più propensi ad acquistarne una ibrida, con un 25 per cento di preferenze, sono i millennials (ossia coloro che hanno fra i 24 e i 39 anni). Le elettriche, invece, spopolerebbero tra i più giovani della Gen Z (16-23 enni) con un 7 per cento pronto a orientarsi su questi modelli. È una delle tante tendenze che emergono dal Mobility Think Tank realizzato da EY su un campione di oltre 3.300 consumatori di nove Paesi europei, Italia compresa.

Il mezzo privato continuerà a godere di grande popolarità in uno scenario di post-pandemia: stando al sondaggio EY sarà quello più utilizzato per motivi di lavoro (60%), di piacere (62%) e familiari (66%). Per quale motivo? Assicura sicurezza e benessere personale. Poco importa se per muoversi con la propria auto si spende di più: il costo non rientra per nessuna delle categorie di driver nella scelta del mezzo, a fronte invece di fattori quali le condizioni di igiene o pulizia o il tempo impiegato nel trasporto.

La diffusione dello smart-working ha avuto ripercussioni sulle abitudini di mobilità. Il lavoro da remoto ha quasi dimezzato il numero di spostamenti. I viaggi per ragioni lavorative, di piacere e familiari hanno subito negli ultimi mesi una riduzione rispettivamente del 61, 51 e 40 su scala globale. Di contro, gli spostamenti di breve durata, ovvero inferiori ai 30 minuti, per ragioni di piacere nel tempo libero sono aumenti del 79 per cento.

“In questo scenario ricco di sfide e di cambiamento, ci chiediamo quale porzione di questo cambiamento sarà meramente transitoria o avrà invece carattere permanente nel medio-lungo periodo – ha commentato Giovanni Passalacqua, Partner e Automotive Consulting Leader di EY - grazie ai fondi del Recovery Fund avremo la possibilità di creare le basi su cui costruire quella che sarà l’automotive italiana dei prossimi 30 anni. Secondo le nostre stime, il mercato della mobility del 2020-2030 ha un valore di circa 220 miliardi di euro ed impiega più del 10% della forza lavoro nel Paese, rappresentando dunque un mercato chiave da cui far ripartire Paese”.

In primo piano
Il noleggio piace

24/02/2021 - L’emergenza sanitaria ha stravolto gli scenari di mobilità e si è fatta sentire anche sulle attività di noleggio ma non ha arrestato molti dei trend in atto. Come quello che vede sempre più automobilisti scegliere forme pay-per-use al posto del tradizionale acquisto. Oggi in Italia sono oltre 65.000 le persone che non possiedono partita Iva ma hanno comunque optato per il noleggio a lungo termine

Leggi tutto
Anche l’Europa parte adagio

21/02/2021 - Secondo i dati diffusi da Acea, l’Associazione europea dei costruttori di automobili, nel complesso dei Paesi dell’Unione europea allargata all’Efta e al Regno Unito le immatricolazioni di auto nel mese di gennaio

Leggi tutto
AsConAuto, una rete resiliente

17/02/2021 - Anche nel 2020, anno profondamente segnato dalla crisi causata dall’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, il conto economico di AsConAuto dimostra la concreta qualità del progetto associativo. “In quello che è stato definita a livello globale come l’annus horribilis per il nostro comparto

Leggi tutto
Automotive in crisi di materie prime

14/02/2021 - Difficoltà di approvvigionamento per la filiera automotive. Scarseggiano infatti materiali in acciaio, materie prime plastiche e microprocessori per le componenti elettroniche dei veicoli.

Leggi tutto