Menu

L’auto soffre

7/02/2020 – Inizio di anno in negativo per il mercato auto. Secondo i dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, le immatricolazioni a Gennaio si sono fermate a quota 155.528 unità, il 5,9 per cento in meno rispetto allo stesso mese 2019 che già aveva dovuto fare i conti con una flessione di oltre il 7 per cento sull’anno prima.

Contro chi puntare l’indice? Contro un quadro economico e politico di forte incertezza al quale in Italia va sommandosi la confusione creata dagli ultimi provvedimenti intrapresi a livello locale. Come quello della sindaca Raggi che a Roma ha bloccato la circolazione dei diesel Euro 6.

“L’ultima cosa di cui abbiamo bisogno – ha fatto sapere Michele Crisci, presidente di Unrae - è un insieme scoordinato di provvedimenti a livello comunale e regionale come quelli a cui abbiamo assistito e stiamo assistendo. Iniziative prive di logica e senza alcun beneficio sulla qualità dell’aria, che hanno invece impattato e stanno impattando in termini gravemente negativi sui consumatori e sul mercato con cancellazioni di ordini e ripensamenti da parte di acquirenti di auto diesel Euro 6, nuove e in linea con le più recenti normative in termini di emissioni. Alla luce di quanto accaduto è sempre più evidente l’esigenza di un’azione di coordinamento e armonizzazione nazionale delle misure sulla mobilità e sulla circolazione delle auto. Appaiono inoltre sempre più urgenti misure di sostegno alla domanda con l’obiettivo di svecchiare l’attuale parco circolante, con effetti positivi in termini di maggiore sicurezza e minore impatto ambientale”.

L’analisi del mercato per utilizzatore mostra il crollo della domanda da parte dei privati che a Gennaio perdono 5,5 punti di quota fermandosi al 58,8 per cento. Segna invece un più 18 per cento il canale noleggio che ora ha una quota del 25,5 per cento. Infine, si contraggono sia le autoimmatricolazioni (meno 3,6 per cento) sia le vendite ad altre società (meno 5,8).

Un’occhiata anche alle alimentazioni: nuovo calo nel primo mese dell’anno per le immatricolazioni di vetture diesel che ora detengono una quota del 33,5 per cento. In lieve diminuzione anche le benzina arrivate però al 46,5 per cento. 'Tirano' le alternative: crescita dell’82 per cento per le ibride, con 15.600 unità immatricolate in rappresentanza del 10 per cento del mercato, e del 587 per cento per le elettriche, 1.900 unità fanno salire la loro quota all’1,2 per cento.

Segno negativo per l’usato: i trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture sono stati 338.754, il 10 per cento in meno dello stesso mese di un anno fa.

 

 

In primo piano
Incentivi auto in arrivo

12/07/2020 – Manca pochissimo alla certezza matematica, ossia solo l’imprimatur del Senato, ma dovrebbe essere cosa fatta per i nuovi incentivi all’acquisto di autovetture nuove.

Leggi tutto
Autopromotec torna nel 2022

9/07/2022 - Arrivederci al 2022. Autopromotec, manifestazione internazionale dedicata alle attrezzature e all’aftermarket automobilistico, ha annunciato che la prossima edizione non si terrà, come da calendario, dal 26 al 29 maggio 2021 ma dal 25 al 28 maggio 2022, sempre presso la Fiera di Bologna. La decisione è stata presa dopo un’analisi approfondita del contesto economico-sanitario a livello mondiale,

Leggi tutto
Come soffro

7/07/2020 - Continua a soffrire l’auto in Italia. Giugno si è chiuso con un calo delle immatricolazioni del 23 per cento (da 172.312 a 132.457 unità) rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Nel primo semestre ci si è, quindi, fermati a 583.960 unità, il 46 per cento in mendo di gennaio-giugno 2019. È quanto emerge dai dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Leggi tutto
Salone di Ginevra addio?

5/07/2020 – La pandemia da Covid-19 non smette di mietere vittime. L’ultimo a farne le spese è il Salone internazionale dell’auto di Ginevra, quello che si teneva ogni anno nel mese di marzo, sulle sponde

Leggi tutto