Menu

È nata una Stellantis

19/01/2021 - Ha debuttato ieri a Milano e Parigi e sbarcherà oggi a Wall Street il titolo Stellantis, nato dalla fusione tra Fiat-Chrysler e Psa conclusasi lo scorso 16 gennaio. Un debutto al rialzo: nel primo giorno di contrattazioni ha guadagnato un 7,57% raggiungendo una capitalizzazione di 42 miliardi di euro. “Un traguardo storico e una straordinaria opportunità”, ha commentato il presidente John Elkann mentre Carlos Tavares, Chief Executive Officer già al timone di Psa dal 2014, ha ribadito che la fusione crea valore per 25 miliardi.

Venti i marchi nella galassia Stellantis: Abarth, Alfa Romeo, Chrysler, Citroen, Comali, Dodge, Ds Automobiles, Fiat, Fiat Professional,   Free2Move, Jeep, Lancia, Leasys, Maserati, Mopar, Opel, Peugeot, Ram, Srt, Teksid e Vauxhall. Oggi quarto gruppo al mondo, dopo Volkswagen, Toyota e Renault Nissan Alliance, con circa 8 milioni di veicoli prodotti e un fatturato di 190 miliardi punta a scalare ulteriormente la classifica facendosi strada soprattutto nei mercati orientali, Cina in primis.

Exor con una quota del 14,4% è il principale azionista del nuovo gruppo, seguita dalla famiglia Peugeot, con il 7,2%, lo stato francese con il 6,2% e i cinesi di Dongfeng con il 5,6%.

Nel consiglio di amministrazione oltre ai due amministratori esecutivi Elkann e Tavares ci sono nove amministratori non esecutivi: Robert Peugeot (Vice Presidente), Henri de Castries (Senior Independent Director, in qualità di Voorzitter ai sensi della legge olandese), Andrea Agnelli, Fiona Clare Cicconi, Nicolas Dufourcq, Ann Frances Godbehere, Wan Ling Martello, Jacques de Saint-Exupéry e Kevin Scott.

 Il piano industriale di Stellantis è atteso prima dell’estate. 

Rimangono preoccupate per il timore di chiusure di stabilimenti e tagli di personale le sigle sindacali nonostante le rassicurazioni giunte dai vertici.

In primo piano
Il noleggio piace

24/02/2021 - L’emergenza sanitaria ha stravolto gli scenari di mobilità e si è fatta sentire anche sulle attività di noleggio ma non ha arrestato molti dei trend in atto. Come quello che vede sempre più automobilisti scegliere forme pay-per-use al posto del tradizionale acquisto. Oggi in Italia sono oltre 65.000 le persone che non possiedono partita Iva ma hanno comunque optato per il noleggio a lungo termine

Leggi tutto
Anche l’Europa parte adagio

21/02/2021 - Secondo i dati diffusi da Acea, l’Associazione europea dei costruttori di automobili, nel complesso dei Paesi dell’Unione europea allargata all’Efta e al Regno Unito le immatricolazioni di auto nel mese di gennaio

Leggi tutto
AsConAuto, una rete resiliente

17/02/2021 - Anche nel 2020, anno profondamente segnato dalla crisi causata dall’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, il conto economico di AsConAuto dimostra la concreta qualità del progetto associativo. “In quello che è stato definita a livello globale come l’annus horribilis per il nostro comparto

Leggi tutto
Automotive in crisi di materie prime

14/02/2021 - Difficoltà di approvvigionamento per la filiera automotive. Scarseggiano infatti materiali in acciaio, materie prime plastiche e microprocessori per le componenti elettroniche dei veicoli.

Leggi tutto