Menu

AsConAuto-Associazione Consorzi Concessionari Auto. Un progetto associativo vincente e unico. Ricambio originale, logistica innovativa, iniziative speciali e formazione dedicata: è in avvio una revisione culturale.

AsConAuto-Associazione Consorzi Concessionari Auto

Un progetto associativo vincente e unico.

Ricambio originale, logistica innovativa, iniziative speciali e formazione dedicata:

è in avvio una revisione culturale.

 

Bologna, maggio 2019. Autopromotec, 28^ biennale internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico, ha ospitato a Bologna dal 22 al 26 Maggio addetti ai lavori e professionisti del settore dell'assistenza ai veicoli in uno spazio dedicato alla formazione, informazione e confronto per il comparto specializzato. 

Il Workshop: “Conoscere meglio il mercato per poterci esprimere da leader”, a cura di MotorK e della Consulta dei Service Manager con la partecipazione di AsConAuto, ha proposto una visione concreta su tecnologie ed evoluzione del mercato. Ne hanno parlato: Umberto Seletto, animatore della Consulta dei Service Manager (Fare cultura di settore per una sana competizione) e i Keynotes Marco Marlia, amministratore delegato e co-fondatore di MotorK (L’uso di Internet nell’aftersales - IV edizione) e Fabrizio Guidi, presidente di AsConAuto (Che cosa intende AsConAuto per “cultura di settore”).

L’approfondimento tematico su informazione e formazione fornisce strumenti strategici  per risultare vincenti nella competizione nel mercato nella distribuzione ricambi. In particolare, MotorK ha indagato sulla comunicazione commerciale degli operatori e sull’uso di Internet nelle reti, organizzate e indipendenti attraverso una ricerca di dettaglio (pervenuta alla quarta edizione) su un campione di un migliaio di soggetti: una survey realizzata con il supporto di AsConAuto e della Consulta Service Manager. Le risposte degli operatori rivelano come il sito sia utilizzato in qualità di strumento attivo nella promozione e relazione con il cliente soltanto tra gli operatori più grandi. Infatti, quasi il 100 per cento delle officine con oltre 20 dipendenti è dotato di un proprio sito internet, rispetto al 46% delle aziende unipersonali. In base ai dati, la relazione con i clienti prevale su WhatsApp: il 77% del campione lo utilizza come strumento di comunicazione. Ed è sui social, in particolare su Facebook utilizzato dal 49% del campione, che  sembra essere in atto la sfida per fare business, aumentare il portafoglio clienti e monitorare livelli di soddisfazione e di fidelizzazione.

Nella circostanza Fabrizio Guidi, presidente di AsConAuto-Associazione Consorzi Concessionari Auto rileva: “Dall’inizio, tutta l’attività interna di AsConAuto, verso i nostri affiliati e verso i nostri soci, si basa sulla comunicazione digitale: potente motore di cambiamento. Abbiamo cercato di agevolare, proprio grazie all’uso delle nuove tecnologie, la comunicazione tra concessionari e autoriparatori per l’acquisto e la vendita dei ricambi originali attraverso Integra, l’unica piattaforma (realizzata su licenza STAR della NADA) che mette in comunicazione la piattaforma gestionale della officina e quella delle concessionarie. Abbiamo anche aggiunto un decodificatore che permette di vedere gli spaccati dei ricambi, in modo da poter fare ordini senza rischio di errore. Non meno importante è il rapporto di collaborazione, da tempo avviato, con Dealer K per il supporto alla digitalizzazione degli autoriparatori affiliati ad AsConAuto. Siamo convinti che il digitale è un ausilio efficace nell’attività quotidiana e raccomandiamo sempre di utilizzare le nuove tecnologie e cerchiamo di fornire supporto agli  autoriparatori nella realizzazione dei loro siti, in modo che, sempre di più e in modo più  adeguato, possano fare fronte con rapidità  al cambiamento in atto e alle nuove richieste della clientela. 

E il presidente Guidi osserva con forza: ”Il futuro sarà ancora più complicato con alcuni progetti che vanno solo nella direzione di togliere marginalità al post-vendita  dei Concessionari: ma la marginalità che dà il service è essenziale per la rete dei Concessionari, così come il controllo gestione e la fidelizzazione clienti. La nostra Associazione ha saputo realizzare un progetto voluto, costruito e pagato dai Concessionari Italiani ed è stata in grado di superare la crisi del settore conprofessionalità, spirito innovativo, costanza e determinazione. Oggi abbiamo una sola logistica: proprietà di 22 Consorzi e del 70 per cento dei Concessionari italiani a  copertura di mille e ottocento magazzini in 16 regioni e 83 province, una solida conferma del presidio capillare sul territorio da parte della nostra rete. La turbinosa mutazione in corso  ha visto una forte riduzione della rete ufficiale, la concentrazione dei mandati,  lo sviluppo di grandi gruppi, i cambiamenti di politica di alcune case sui ricambi, il peso crescente delle flotte  che ha comportato da parte nostra l’avvio di una revisione culturale della riparazione. Bisogna aumentare il percorso formativo, potenziare  processi,  dotazioni,  costo  delle attrezzature, standard del servizio fornito ai clienti, alle flotte, alle assicurazioni, così come agli autoriparatori. La qualità della rete ufficiale è sicurezza e sigillo di qualità e il ricambio originale è chiave di volta dell’intero processo di sviluppo e dell’affermazione del nostro modello di business, la cui efficacia è documentata da 18 anni di crescita e da numeri che colpiscono gli operatori. Nel 2018 +13,5 per cento rispetto all’anno precedente e il superamento di 655 milioni di euro di volume d’affari contabilizzato: un traguardo che nasce dal confronto costante e aperto in Associazione sulle dinamiche che mutano, ma soprattutto dal nostro lavoro quotidiano nel presidiare il territorio, grazie alla nostra rete, con professionalità: il ricambio originale diviene per tutti, ma soprattutto per i clienti, garanzia di qualità e sicurezza”.

***

AsConAuto-Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto aggrega 22 Consorzi, organizzati su base territoriale in 83 province e in 16 Regioni, formati da 921 Concessionari con l’obiettivo di realizzare una gestione delle vendite di ricambi originali, efficace ed efficiente attraverso un processo di ottimizzazione delle risorse e un innovativo servizio di distribuzione a officine e carrozzerie indipendenti. Oggi è considerata una protagonista del settore automotive e ne fa parte più del 70 per cento delle concessionarie operative in Italia.

AsConAuto ha superato i 655 milioni di euro di volume d’affari contabilizzato nel 2018. Malgrado le difficoltà emerse nell’ultimo trimestre dell’anno scorso per il settore automotive si è confermata positiva la crescita per i Consorzi aderenti all’Associazione con un incremento pari a +13,35 per cento rispetto al volume d’affari sviluppato nell’anno precedente.

A oggi sono stati distribuiti ricambi originali per un valore netto superiore ai 5 miliardi di euro. Un altro dato fuori del comune riguarda la rete incassi, ideata e messa a punto negli anni dall’Associazione, che è in grado di garantire una soglia d’insolvenza nella riscossione delle fatture davvero da record (<0,60%).  

 

 

 

 

 

 

 

 

In primo piano
La ripresa può attendere

29/11/2020 – Secondo quanto rilevato nel corso d’un’indagine dall’Osservatorio Autopromotec su un campione rappresentativo di autofficine italiane, solo il 14 per cento degli autoriparatori prevede di tornare ai livelli pre-Covid

Leggi tutto
Svolta ibrida o elettrica

25/11/2020 – Italiani pronti alla svolta ibrida o elettrica. Ben 9 abitanti della Penisola su 10 si dicono pronti ad acquistare una vettura spinte da un sistema ibrido o un motore elettrico purché il prezzo sia accessibile e non vi siano troppi limiti in termini di autonomia. Cosa li spinge? Il primo motivo è di carattere sociale (‘per non inquinare’),

Leggi tutto
Mercato, l’Europa frena

22/11/2020 – Ottobre smorza gli entusiasmi settembrini del mercato europeo occidentale (Ue+Efta+Uk) dell’auto nuova. Al più 1,1 per cento di settembre, segue infatti addirittura un meno 7,1 del mese scorso rispetto all’identico periodo del 2019.

Leggi tutto
La mobilità cambia

19/11/2020 – È chiaro che la pandemia ha avuto un forte impatto sulla mobilità. Cosa è cambiato? Tra chi ha cercato una risposta c’è anche Deloitte che ha condotto un’indagine a livello europeo.

Leggi tutto