Menu

Più auto ma il 2018 si teme negativo

1/08/2018 – Segno positivo per il mercato dell’auto a luglio. Nel settimo mese dell’anno, grazie anche a un giorno lavorativo in più rispetto al 2017, sono state registrate 152.393 vetture che hanno fatto segnare un più 4,4%. Da gennaio a luglio sono state immatricolate 1.273.730 auto, lo 0,7% in meno dello stesso periodo dell’anno scorso.

 “Benché in lieve ripresa, non è facile prevedere per il mercato auto in Italia un recupero rispetto allo scorso anno – ha commentato Michele Crisci, Presidente dell’Unrae - le immatricolazioni di autovetture nella seconda parte dell’anno, infatti, secondo la nostra stima, dovrebbero stabilizzarsi sui livelli del 2017, per portare il 2018 a un volume di immatricolazioni leggermente al di sotto dell’anno precedente, con 1.960.000 unità (-0,6%)”.

Dopo 4 anni consecutivi di crescita nel 2018 dovrebbe arrestarsi il percorso di recupero del mercato auto, che potrebbe tornare ai livelli del 2010. In controtendenza rispetto all’andamento generale le vendite del canale noleggio che detiene una quota del 25,0%. “Lo scenario di lungo periodo – ha continuato Crisci - indica per il 2019 un andamento delle immatricolazioni di autovetture di poco superiore a quanto registrato nel 2017, a 1.980.000 unità, segnando un incremento dell’1%. Solo nel 2020 si prevede che il mercato possa superare la soglia di 2.000.000 di immatricolazioni. Con questi tassi di crescita – conclude Crisci – e senza interventi di stimolo al rinnovo del parco circolante, si fa fatica a vedere un impulso considerevole sul ricambio del parco auto anziano, che conta ancora oggi oltre il 20% di vetture ante Euro 3”. 

La motorizzazione regina nei primi sette mesi dell’anno è ancora il diesel che perde però tre punti di quota attestandosi al 53,6%. Ne hanno beneficiato le benzina (1/3 delle vendite totali) e il Gpl (6,3% di share nei 7 mesi). Ancora una nicchia seppure in crescita le ibride, al 4 %, e le elettriche, 0,4 % di quota nel periodo gennaio-luglio 2018.

Le vendite di auto usate, infine, sono cresciute a luglio dell’1,4% con 384.318 passaggi di proprietà al lordo delle minivolture rispetto a 378.884 dello stesso periodo 2017. Nei 7 mesi siamo ancora in territorio negativo con un calo del 2,8% a 2.692.089 auto trasferite.

 

In primo piano
L’elettrico decollerà dopo il 2025

15/08/2018 – Ci sarà d’aspettare il 2025 affinché la trazione elettrica spicchi definitivamente il volo. Lo afferma la britannica Globaldata, società specializzata nella raccolta e analisi dei dati, che aggiunge come quello della mobilità elettrica sarà uno dei quattro pilastri portanti della futura industria automotive. Dall’1 per cento d’immatricolato elettrico mondiale del 2017 si crescerà fino al 15 per cento nel 2030.

Leggi tutto
Mercato ricambi in crescita

12/08/2018 - Secondo i dati del ‘Barometro aftermarket’, una rilevazione statistica interna al gruppo Componenti dell’Anfia che fornisce un’indicazione sull’andamento del mercato dei ricambi auto, il fatturato aftermarket registra un incremento del 2,3 per cento nel primo semestre del 2018 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, che invece era in calo dell’1,8 se paragonato al semestre omologo del 2016.

Leggi tutto
Mani sul volante

6/08/2018 – In Italia c’è ancora molto da fare sul versante della sicurezza stradale. A dirlo sono i numeri: i dati Aci/Istat diffusi gli scorsi giorni denunciano un incremento dei morti in seguito a incidente del 2,9 per cento nell’ultimo anno: 3.378 contro i 3.283 del 2016. Colpa soprattutto della velocità eccessiva e dell’utilizzo indiscriminato di apparecchiature tecnologiche anche al volante.

Leggi tutto
Gli italiani non rinunciano all’auto

3/08/2018 - Tra gli italiani e le automobili è vero amore. Nonostante i proclami contro le quattro ruote nella Penisola continua a crescere il tasso di motorizzazione, ossia il numero di autovetture circolanti ogni 1.000 abitanti: dal 2013 al 2016 è passato da 608 a 625, segnando un più 2,8%.

Leggi tutto