Menu

Più auto ma il 2018 si teme negativo

1/08/2018 – Segno positivo per il mercato dell’auto a luglio. Nel settimo mese dell’anno, grazie anche a un giorno lavorativo in più rispetto al 2017, sono state registrate 152.393 vetture che hanno fatto segnare un più 4,4%. Da gennaio a luglio sono state immatricolate 1.273.730 auto, lo 0,7% in meno dello stesso periodo dell’anno scorso.

 “Benché in lieve ripresa, non è facile prevedere per il mercato auto in Italia un recupero rispetto allo scorso anno – ha commentato Michele Crisci, Presidente dell’Unrae - le immatricolazioni di autovetture nella seconda parte dell’anno, infatti, secondo la nostra stima, dovrebbero stabilizzarsi sui livelli del 2017, per portare il 2018 a un volume di immatricolazioni leggermente al di sotto dell’anno precedente, con 1.960.000 unità (-0,6%)”.

Dopo 4 anni consecutivi di crescita nel 2018 dovrebbe arrestarsi il percorso di recupero del mercato auto, che potrebbe tornare ai livelli del 2010. In controtendenza rispetto all’andamento generale le vendite del canale noleggio che detiene una quota del 25,0%. “Lo scenario di lungo periodo – ha continuato Crisci - indica per il 2019 un andamento delle immatricolazioni di autovetture di poco superiore a quanto registrato nel 2017, a 1.980.000 unità, segnando un incremento dell’1%. Solo nel 2020 si prevede che il mercato possa superare la soglia di 2.000.000 di immatricolazioni. Con questi tassi di crescita – conclude Crisci – e senza interventi di stimolo al rinnovo del parco circolante, si fa fatica a vedere un impulso considerevole sul ricambio del parco auto anziano, che conta ancora oggi oltre il 20% di vetture ante Euro 3”. 

La motorizzazione regina nei primi sette mesi dell’anno è ancora il diesel che perde però tre punti di quota attestandosi al 53,6%. Ne hanno beneficiato le benzina (1/3 delle vendite totali) e il Gpl (6,3% di share nei 7 mesi). Ancora una nicchia seppure in crescita le ibride, al 4 %, e le elettriche, 0,4 % di quota nel periodo gennaio-luglio 2018.

Le vendite di auto usate, infine, sono cresciute a luglio dell’1,4% con 384.318 passaggi di proprietà al lordo delle minivolture rispetto a 378.884 dello stesso periodo 2017. Nei 7 mesi siamo ancora in territorio negativo con un calo del 2,8% a 2.692.089 auto trasferite.

 

In primo piano
Mai più contromano. Si spera

24/03/2019 – Potrebbe essere la soluzione definitiva per tutti quegli sbadati – e sono 2.000 all’anno solo in Germania – che imboccano strade e autostrade contromano.

Leggi tutto
Usato (2018) sotto la lente d’ingrandimento

22/03/2019 - Un anno buono il 2018 per l’usato. Con 5.567.570 trasferimenti di proprietà complessivi, il segmento ha registrato un più 4,3 per cento. Dalla scomposizione emerge un andamento simile fra trasferimenti netti, più 4 per cento con 3.043.577 unità, e minivolture (i trasferimenti temporanei agli operatori in attesa della rivendita al cliente), più 4,6, a quota 2.523.993.

Leggi tutto
Prezzi giù per l’autoriparazione

16/03/2019 - In febbraio, scendono - anche se di poco - i prezzi praticati dalle officine di autoriparazione. Secondo le inchieste mensili effettuate su campioni rappresentativi di autofficine dall’Osservatorio Autopromotec, l’83 per cento degli autoriparatori ha indicato normale il livello dei prezzi, ma coloro che lo hanno giudicato basso sono stati di più di coloro che lo hanno ritenuto alto: 15 per cento contro 2.

Leggi tutto
Usato in crescita

13/03/2019 – Mentre in Italia il mercato del nuovo soffre quello dell’usato sembra in ripresa. A febbraio i passaggi di proprietà delle auto, al netto delle minivolture (i trasferimenti temporanei al concessionario in attesa della rivendita al cliente finale) sono stati 264.850, il 3,7 per cento in più dello stesso mese 2018. Per ogni 100 vetture nuove ne sono state vendute 162 usate.

Leggi tutto