Menu

Non fatele scattare

23/08/2019 - Si accorciano i tempi per reperire i 23 miliardi di euro necessari a scongiurare il ritocco al rialzo delle aliquote e delle accise sui carburanti. E la crisi di Governo non fa che aggravare la situazione. Ultima a lanciare l’allarme è stata Codacons. In un comunicato del Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori si legge che “Le clausole di salvaguardia non prevedono solo il ritocco delle aliquote dal 22 al 25,2% (ordinaria) e dal 10 al 13% (ridotta) nel 2020, ma stabiliscono che l’Iva debba aumentare anche nel 2021, raggiungendo quota 26,5%. Per entrambi gli anni, inoltre, tali clausole prevedono anche gli incrementi delle accise sui carburanti con un gettito stimato dalla Legge di bilancio pari a 400 milioni di euro all’anno. Accise più alte equivalgono a più elevati costi dei carburanti, con conseguenti effetti negativi sui listini dei beni trasportati su gomma”.
Potrebbero subire un aumento, quindi, una moltitudine di beni di largo consumo con una stangata media pari a 1.200 euro a famiglia.

Un’auto di media cilindrata passerebbe dagli attuali 16.775 euro a 17.394, un suv alto di gamma da 61.000 a 63.250 euro.

Non c’è tempo da perdere.

In primo piano
MiMo, il motor show meneghino

21/09/2019 – Presentato ufficialmente quello che sarà il successore del Salone di Torino, l’evento fino a quest’anno organizzato all’aperto nel Parco Valentino. Sfrattato dal capoluogo piemontese, l’evento si trasferirà dal 18 al 21 giugno del prossimo anno in un altro parco, quello della Villa Reale di Monza, o meglio all’autodromo ivi ubicato.

Leggi tutto
Taxi al volo

17/09/2019 - Da lunedì 16 a Parigi i tassi decollano. Le futuristiche navicelle bianche dalle curve arrotondate in grado di prendere il volo sono, infatti, diventate realtà. Le automobili sono pronte ad andare in soffitta per lasciare il posto a velivoli in grado di dribblare il traffico cittadino?

Leggi tutto
Toyota richiama ancora

15/09/2019 – Sembra essere senza fine l’affaire Toyota-Takata. Sono trascorsi ormai alcuni anni dalla scoperta dei gravi problemi agli airbag prodotti appunto da Takata per numerose case automobilistiche del mondo e, nonostante sia fallito nell’estate del 2017, il fornitore nipponico continua a far parlare – nel male – di sé, probabilmente a causa di ricambi sempre difettosi utilizzati come rimpiazzo su veicoli già richiamati.

Leggi tutto
Chi sale e chi scende

12/09/2019 - Cresce sempre di più il divario tra i prezzi delle auto usate e quelli delle auto nuove. Stando a un’elaborazione degli indici Istat dei prezzi al consumo per l’intera collettività effettuata dall’Osservatorio Autopromotec,

Leggi tutto