Menu

Niente nozze italo-francesi

6/06/2019 – Fca e Renault rimarranno due gruppi distinti. Le ventilate nozze di cui tanto si è dibattuto negli scorsi giorni, almeno per il momento, non si faranno. Fca ha infatti ritirato la proposta di fusione come si legge in un comunicato. “Il Consiglio di Amministrazione di Fiat Chrysler Automobiles N.V. ha deciso di ritirare con effetto immediato la proposta di fusione avanzata a Groupe Renault. Fra continua ad essere fermamente convinta della stringente logica evolutiva di una proposta che ha ricevuto ampio apprezzamento sin dal momento in cui è stata formulata e la cui struttura e condizioni erano attentamente bilanciati al fine di assicurare sostanziali benefici a tutte le parti. E’ tuttavia divenuto chiaro che non vi sono attualmente in Francia le condizioni politiche perché una simile fusione proceda con successo. Fca esprime la propria sincera gratitudine a Groupe Renault, in particolare al suo Presidente, al suo Amministratore Delegato ed agli Alliance Partners, Nissan Motor Company e Mitsubishi Motors Corporation, per il loro costruttivo impegno in merito a tutti gli aspetti della proposta”.

A far saltare il tavolo sarebbe quindi stato il Governo francese, azionista al 15,1 per cento di Renault, forse non abbastanza rassicurato su alcuni aspetti centrali dell'accordo. In gioco ci sarebbero infatti anche siti industriali e i relativi posti di lavoro.

Non si sono fatte attendere le repliche della Losanga. “Il Gruppo Renault – scrive - esprime il suo rammarico per non poter approfondire la proposta di Fiat Chrysler Automobiles. Siamo grati a Nissan per l’approccio costruttivo adottato e desideriamo ringraziare Fca per gli sforzi compiuti nonché i membri del Consiglio di Amministrazione di Renault per la fiducia. Riteniamo che questa proposta sia opportuna, per il grande valore industriale e l’attrattiva finanziaria che comporta, creando un leader mondiale del settore automobilistico con sede in Europa.  Questa offerta sottolinea altresì l’attrattiva che esercitano Renault e l’Alleanza”.

Nessuna chiusura totale, quindi, ma piuttosto la speranza che arriveranno tempi migliori.

 

In primo piano
Carburanti, oltre metà incassi al fisco

23/06/2019 – Si spende di più per i combustibili d’autotrazione. Nei primi cinque mesi di quest’anno, le famiglie italiane avrebbero sborsato quasi 24 miliardi di euro, secondo quanto calcolato dal Centro Studi Promotor, ossia l’1,4 per cento in più del medesimo periodo targato 2018.

Leggi tutto
La rapidità è tutto

19/06/2019 - Che probabilità si hanno di trasformare un contatto della concessionaria in contratto? Dipende tutto dalla velocità con la quale lo si gestisce. A queste conclusioni è giunta Motor K, azienda digitale europea che opera nell’ambito automotive.

Leggi tutto
Audi richiama l’e-tron

16/06/2019 – A poche settimane dal lancio, l’Audi è costretta a un’azione di richiamo nei confronti del proprio Suv e-tron, prima auto totalmente elettrica a batteria del marchio. L’iniziativa interesserebbe circa 1.700 veicoli negli Stati Uniti d’America, ma anche altri veicoli in ulteriori paesi del mondo, tra cui il nostro, dove le vetture da riportare subito in officina sarebbero quattro.

Leggi tutto
Più auto sulle strade italiane

11/06/2019 - Più veicoli sulle strade italiane. A rilevarlo è l’Annuario Statistico Aci. Il parco veicolare oggi conta 51,6 milioni di mezzi, 670.000 in più rispetto al 2017.

Leggi tutto