Menu

Segno positivo per le immatricolazioni

7/05/2018 – Segno positivo per le immatricolazioni di auto nel primo quadrimestre dell’anno: 745.945 unità indicano una crescita dello 0,2 per cento rispetto allo stesso periodo 2017. L’Italia risulta così essere il  quarto mercato per volumi nell’Unione dopo Germania, UK e Francia e il primo per le vendite di auto diesel che hanno contribuito al totale con un 54,5 per cento. Le benzina si fermano al 33,4 mentre le auto ad alimentazione alternativa conquistano un 12,1 per cento di quota.

Fiat detiene la leadership nella Penisola con una quota del 18,3 per cento. Piazza d’onore a Volkswagen con un 8,3, seguita da Ford al 7 per cento.

Le più vendute del periodo gennaio-aprile? Fiat Panda (oltre 43.360 unità), Fiat 500 e Fiat 500X entrambe sopra le 21.000 unità. Targata Fiat anche la quarta in classifica, Tipo, tallonata da Ford Fiesta, prima fra le straniere.

“Segnaliamo - commenta Aurelio Nervo, Presidente di Anfia - che su un tema al centro del dibattito come quello della regolamentazione dell'accesso dei veicoli ai centri urbani, il 25 aprile scorso si è tenuto a Bruxelles un workshop in cui ACEA (Associazione europea dei Costruttori di autoveicoli), POLIS (Network di città e Regioni europee impegnate sull’innovazione nei trasporti) ed EUCAR (Consiglio europeo per la ricerca e sviluppo automotive) hanno fatto un appello alla Commissione europea affinché, dopo la pubblicazione di uno studio sulle linee guida non vincolanti in materia, prosegua a supportare il dialogo fra i player coinvolti. E’ importante, infatti che progettualità, monitoraggio, valutazione e rafforzamento delle misure di questo tipo vengano coordinati più a livello europeo che nazionale”.

Segno positivo, stando ai dati Aci, anche per l’usato. I passaggi di proprietà delle quattro ruote, depurati dalle minivolture (i trasferimenti temporanei a nome del concessionario), ad aprile hanno messo a segno un più 9,7 per cento. Per ogni 100 vetture di nuova immatricolazione ne sono state vendute 135 di seconda mano, che salgono a 149 considerando il primo quadrimestre che ha visto crescere i passaggi del 5,5 per cento.

 

In primo piano
Come si cambia

18/09/2018 - Più lunghe, più larghe e sempre più straniere. I gusti degli italiani in fatto di automobili in 50 anni sono cambiati parecchio, come del resto l’offerta stessa che è cresciuta in modo esponenziale per arrivare a contare oggi 501 modelli contro gli 89 del 1968.

Leggi tutto
Maggiolino addio. Per sempre

15/09/2018 – Stavolta sarà veramente per sempre, almeno di ripensamenti in chiave elettrica dell’ultima ora. Ma, al momento, la decisione è questa: il 19 luglio del prossimo anno, dallo stabilimento Volkswagen di Puebla (Messico), l’unico rimasto a produrre la mitica vettura tedesca, uscirà l’ultimo Maggiolino.

Leggi tutto
Il Wltp dà un boost al mercato

8/09/2018 – Obbligatorio da questo 1° settembre e chiamato a sostituire l’attuale ciclo Nedc, il Worldwide harmonized Light-Duty vehicles Test Procedure (Wltp) è il nuovo metodo mondiale di controllo standardizzato per il rilevamento di consumi ed emissioni relativamente ad auto e furgoni.

Leggi tutto
Il web non passa l'esame

4/09/2018 – Nella ‘web era’ i siti internet delle case costruttrici non passano l’esame. È quanto emerge da un’analisi condotta da Forrester, azienda di ricerca e consulenza con presenza globale, che ha messo sotto la lente d’ingrandimento 11 dei principali marchi automobilistici in Europa: Audi, Bmw, Citroën, Ford, Mercedes-Benz, Nissan, Peugeot, Renault, Toyota, Vauxhall e Volkswagen, selezionati in base ai loro elevati volumi di vendita sia nel mercato di massa che nelle categorie di lusso.

Leggi tutto