Menu

L’auto premium delle brame è Suv e diesel

22/11/2018 - Secondo i dati dell’Osservatorio sulla ricerca dell’auto online del portaleitaliano DriveK, i connazionali che puntano ad acquistare un’auto del segmento premiumscelgono soprattutto Suv e, nonostante il dibattito sul tipo di motorizzazioni emissioni, non rinunciano all’alimentazione diesel.

L’analisi è stata svolta tra le richieste dipreventivo superiori a 50 mila euro,che gli italiani hanno effettuato dall’inizio dell’anno a oggi attraverso il portale. Ebbene, i Suvrappresentano il 69,5per cento delle auto premiumpiù ricercate, seguite a lunga distanza dalle coupé (9,1 per cento), le berline a tre volumi (5,4 per cento) e le station wagon (4,7 per cento). Nella classifica dei dieci modelli premium più richiesti on line, nove sono sport utility vehicle o crossover, un segmento dominato dall’Alfa Romeo Stelvio, seguita dalla Mercedes-Benz Glc, dalla Jeep Grand Cheroke., dalla Range Rover Velar e dalla Bmw X4.

Fatto 100 il numero delle richieste preventivo di Suv, ben il 67,3 per cento era relativo alla motorizzazione diesel.

In primo piano
La revoca è illegittima

20/02/2014 - Ha superato il vaglio di costituzionalità sul divieto di bilanciare aggravanti con attenuanti la Legge 41 del 2016, quella che ha introdotto il reato di omicidio stradale, una fattispecie dell’omicidio colposo, e quello di lesioni personali stradali gravi o gravissime

Leggi tutto
Giovani talenti cercasi

16/02/2019 – Come ogni anno, anche per questo 2019 Bentley apre le porte ai giovani, dando il via alla campagna di apprendistato per ben cinquantuno posizioni che verranno attivate in autunno.

Leggi tutto
Codice della Strada, (forse) si cambia

14/02/2014 - In questi giorni si fa un gran parlare di biciclette contromano, velocità massima elevata a 150 chilometri orari sulle autostrade. E ancora, divieto di fumo alla guida. Attenzione, però: si tratta solo di proposte di legge di modifica al Codice della Strada,

Leggi tutto
Italia ultima nel recupero veicoli

9/02/2019 – Ebbene sì, siamo fanalino di coda anche sul fronte dei rottami. Secondo i numeri di Eurostat, aggiornati però al lontano 2016, il Bel Paese riciclerebbe in maniera ecocompatibile solo l’82,6 per cento delle parti che compongono un autoveicolo a fine vita.

Leggi tutto