Menu

Incentivi auto. Così non va

11/09/2014 - I timori di Unrae sull’efficacia del sistema di incentivi per l’acquisto di nuove auto entrato in vigore con il cd. Decreto-Legge Agosto erano fondati. I 100 milioni destinati ai veicoli rientranti nella fascia emissiva di CO2 91-110 g/Km sono già esauriti. “Il sistema messo in campo dal Governo - ha commentato Michele Crisci, Presidente di Unrae - contiene forti elementi di rigidità e alcuni profili incoerenti con quanto ritenuto essere lo spirito di sostegno e cioè la ripresa del mercato ed il rinnovo del parco circolante. La rigidità principale consiste nell’impossibilità di travasare le risorse da una fascia emissiva all’altra o di prevedere un fondo unico, che si traduce nel rischio di lasciare inutilizzati parte dei fondi pur a fronte di una quota di domanda che resta così insoddisfatta. È più che mai urgente - ha continuato Crisci - rifinanziare il fondo esaurito per non frenare la crescita di un settore già fortemente colpito nei mesi scorsi dall'emergenza sanitaria."

A oggi, infatti, sono 300 i milioni disponibili rientranti nelle altre fasce emissive incentivate. Soldi che rischiano di rimanere inutilizzati proprio a causa della rigidità del sistema previsto dal Governo, che non prevede travaso delle risorse da una classe all’altra, e di cui il settore ha un gran bisogno. Nei primi otto mesi dell’anno stando ai dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ci si è fermati a quota 809.665 immatricolazioni che indicano un calo del 38,9 per cento sullo stesso periodo 2019

E i problemi non finiscono qui. La piattaforma che gestisce l’Ecobonus prevede un limite di 50 pratiche al giorno per ogni concessionario registrato: un consumatore che pure ha concluso il suo acquisto rischia di non vedersi concedere lo sconto promesso perché la sua pratica è stata completata a fondi esauriti. Una situazione che lascia nel caos le reti di concessionari a livello nazionale che devono gestire reclami e preoccupazioni dei clienti.

“Unrae – ha ribadito il suo presidente -  chiede con forza una soluzione urgente e resta disponibile a fornire il suo contributo di idee e proposte tese a conciliare gli interessi generali di tutela dell’ambiente con l’esigenza di non penalizzare il mercato e la necessità imprescindibile di difendere un comparto che occupa 160 mila addetti, fatturando oltre 50 miliardi di euro”.

 

In primo piano
Mercato auto, l’Europa arranca

20/09/2020 – Ancora cattive notizie sul fronte europeo occidentale (Ue+Uk+Efta) delle nuove immatricolazioni.

Leggi tutto
Buona la prima (digitale)

17/09/2020 - Si è chiusa la 18° edizione di Automotive Dealer Day, evento dedicato alla filiera della distribuzione auto, la prima in formato digitale. In oltre 3mila si sono dati appuntamento virtualmente per fare il punto sul settore, sulle sfide che lo attendono dopo la pandemia che ha sconvolto lo scenario mondiale e ha accelerato quella digitalizzazione di cui tanto si è dibattuto negli ultimi anni.

Leggi tutto
Dealer Day, pronti alla digital edition

15/09/2020 – Tre, due, uno… si parte. Domattina si alza il sipario sulla 18° edizione di Automotive Dealer Day, unico appuntamento in Europa interamente dedicato al mondo e ai protagonisti della distribuzione auto, la prima in formato digitale a tutela della sicurezza sanitaria. In oltre tre mila hanno già risposto alla chiamata di Quintegia

Leggi tutto
Incentivi auto. Così non va

11/09/2014 - I timori di Unrae sull’efficacia del sistema di incentivi per l’acquisto di nuove auto entrato in vigore con il cd. Decreto-Legge Agosto erano fondati. I 100 milioni destinati ai veicoli rientranti nella fascia emissiva di CO2 91-110 g/Km sono già esauriti. “Il sistema messo in campo dal Governo - ha commentato Michele Crisci, Presidente di Unrae - contiene forti elementi di rigidità

Leggi tutto