Menu

Il certificato di revisione è qui

13/05/2018 – Tra una settimana esatta (il 20 maggio), scatterà l’obbligo del ‘Certificato di revisione’ per i veicoli sottoposti al controllo ministeriale.

Ossia, oltre alla fustella adesiva applicata sulla carta di circolazione, sarà rilasciato un verbale di controllo coi risultati del check-up. Un documento che, oltre a riportare i dati del veicolo (categoria compresa) e del centro revisioni nonché luogo più data della verifica tecnica insieme alla lettura del contachilometri, elencherà le carenze individuate col relativo livello: lievi, gravi e pericolose.

Se tali carenze rientreranno in più d’un gruppo di controlli, verranno classificate nella più grave di esse. Ma, se rientreranno nella stessa area di controllo e si dimostrerà che la loro combinazione comporti un rischio più elevato per la sicurezza stradale, verranno classificate in quella di gravità immediatamente superiore.

La frequenza delle revisioni rimane però inalterata, con la prima a quattro anni dall’immatricolazione (entro la fine del mese in cui è stato targato il veicolo)  e le successive ogni due. Anche sul fronte prezzi nulla cambia, coi soliti 66,88 euro da pagare nei centri revisione o i 45 alla Motorizzazione.

In primo piano
Patto tra giganti

17/01/2019 - Una nuova alleanza nell’universo automotive. Volkswagen e Ford Motor Company hanno annunciato ufficialmente che svilupperanno insieme veicoli commerciali e pickup di taglia media destinati ai mercati globali, a partire dal 2022.

Leggi tutto
Revisioni pesanti, si apre ai privati

15/01/2019 - La Legge di Bilancio 2019, di recente approvazione, interviene positivamente sulla materia delle revisioni dei veicoli pesanti. Lo sostengono Anfia, Federauto e Unrae in un comunicato congiunto.

Leggi tutto
Sulla strada giusta

14/01/2019 - Migliora la situazione sulle strade italiane stando alle stime Aci-Istat basate sui dati preliminari relativi al periodo gennaio-giugno 2018. Gli incidenti con lesioni sono stati 82.942 (in media 460 al giorno, il 3 per cento in meno dello stesso periodo dell'anno precedente), hanno causato 1.480 morti

Leggi tutto
Bonus-malus al via dal 1° marzo

7/01/2019 - Dal 1° marzo 2019 il bonus-malus è realtà. Arrivano, infatti, gli incentivi per favorire l'acquisto di auto nuove a basso grado di emissioni di CO2 e una tassa per chi invece sceglie modelli più inquinanti.

Leggi tutto