Menu

Google Maps ti dà la carica

21/10/2018 – Forse potrebbe essere proprio il noto colosso dei motori di ricerca – ma non solo – a farci trovare, stavolta sì senza troppa fatica, una colonnina per la ricarica del veicolo elettrico con cui stiamo circolando. E lì dove, nel corso degli anni, le varie App hanno miseramente fallito, soprattutto a causa di database non sempre aggiornati o perché legate a questo o quel fornitore d’energia, potrebbe riuscirci Google con la propria piattaforma Maps.

Da pochi giorni, infatti, sia le App per iOs o Android, sia il sito Internet riescono a indicare le colonnine elettriche di ricarica sparse per il mondo. Basta digitare ‘colonnina/e’ nel campo di ricerca e il software restituirà l’elenco in base al luogo dove ci si trova. Tutte, indipendentemente dal gestore, dichiarano, così come già da tempo quelli di Mountain View fanno coi distributori di carburanti.

Maps però non si limita a localizzarle, ma fornisce anche il nome del gestore, così che si possa già sapere se possediamo o meno la relativa tessera per lo sblocco della colonnina. Di cui si mostra luogo ove si trova e le opinioni degli utenti sulla stazione, mentre manca per le colonnine italiane le info sul tipo di connettori disponibili nelle stazioni di ricarica, il loro numero e alla velocità di ricarica.

A meno che non abbiate una tesla e utilizziate i charging point dedicati.

In primo piano
Contraffatti, scoperti e distrutti

17/04/2019 - Pochi anni fa i ricambi Originali Hyundai e Kia, marchi del Gruppo Hyundai Motor, erano poco contraffatti sia perché il numero di vetture vendute in Europa era ancora poco interessante per i falsificatori, sia perché il gruppo coreano sviluppava internamente ogni componente, evitando di diffondere disegni tecnici e dettagliati delle singole parti.

Leggi tutto
Il mega dealer è servito

13/04/2019 – Si vociferava da tempo che qualcosa tra i dealer più strutturati del Norditalia dovesse succedere.

Leggi tutto
Svecchiamo il parco

9/04/2019 - “Gli incentivi fino a 6.000 euro per l'acquisto di auto che costano 50.000 euro non servono a chi oggi guida e si può permettere solo una Punto del 1997”. Così Gianluca Pellegrini, direttore di “Quattroruote, ha aperto gli Stati Generali della Mobilità, organizzati da Federmotorizzazione nella sede milanese di Confcommercio.

Leggi tutto
Prezzi auto: nuove su usate giù

6/04/2019 – Da un’analisi degli indici Istat sui prezzi al consumo, emerge come nel quadriennio 2015-2018 i prezzi delle auto nuove siano cresciuti del 3,4 per cento, mentre quelli delle usate siano addirittura scesi del 6,3.

Leggi tutto