Menu

Gli imputati si dichiarano innocenti

29/01/2018 - L’industria automobilistica tedesca torna sul banco degli imputati. Questa volta l’accusa è quella di aver utilizzato scimmie e uomini come cavie per studiare gli effetti del biossido di azoto sulla salute. A sollevare la questione che riguarderebbe Bmw, Mercedes-Benz, Volkswagen e Bosch sono state alcune riviste americane e tedesche. I test si sarebbero svolti nel 2014 in un laboratorio americano e sarebbero stati commissionati dall’Associazione Europea per lo Studio della Salute e dell’Ambiente Trasporti (nota come EUGT), fondata dai quattro colossi automotive nel 2007 proprio per approfondire gli studi sull’impatto dell’inquinamento atmosferico, e sciolta lo scorso anno.

Volkswagen e Daimler hanno preso immediatamente le distanze.

Hans Dieter Poetsch, presidente del Consiglio di sorveglianza di Volkswagen ha fatto sapere che questi esperimenti non sono in alcun modo accettabili e che i vertici si impegneranno affinché vi sia un’indagine completa sulle procedure e chi ha sbagliato possa pagare.

Daimler in un comunicato ufficiale ha scritto “Ci dissociamo espressamente dagli studi e dall'EUGT. Siamo sconvolti dalla natura e dalla portata degli studi e dalla loro attuazione e condanniamo gli esperimenti nel modo più assoluto. L'approccio di EUGT contraddice i nostri valori ed i nostri principi etici. Anche se Daimler non ha avuto influenza sulla progettazione dello studio, abbiamo avviato un'indagine approfondita sulla questione.”

Deve, invece, ancora pronunciarsi Bmw.

In primo piano
No all'ecotassa

14/12/2018 - "Non ci sarà nessuna nuova tassa sulle auto”. Ad affermarlo questa mattina è stato il vicepremier Luigi Di Maio. Sembra aver funzionato, quindi l’alzata di scudi dell’intero settore automobilistico contro l'emendamento 79bis della legge finanziaria

Leggi tutto
Bonus-Malus emissioni: è caos

9/12/2018 – Poche idee ma confuse. Questo è il sunto delle ultime decisioni governative nazionali in tema di tasse automobilistiche, già tra le più alte d’Europa.

Leggi tutto
Mercato auto ancora giù

6/12/2018 - Flette anche a novembre il mercato dell’auto in Italia. Le immatricolazioni si sono fermate a 146.991 unità facendo registrare un meno 6,3% su novembre 2017. Nei primi 11 mesi dell’anno si è arrivati a quota 1.785.722, meno 3,5% su gennaio-novembre di un anno fa.

Leggi tutto
Il Gruppo Psa fa cassa

2/12/2018 - Toyota e Psa hanno annunciato il prossimo passo della loro partnership nel mercato europeo, iniziata nel 2012 con la generazione precedente del furgone ProAce, prodotto in Francia alla Sevel Nord.

Leggi tutto