Menu

Gli imputati si dichiarano innocenti

29/01/2018 - L’industria automobilistica tedesca torna sul banco degli imputati. Questa volta l’accusa è quella di aver utilizzato scimmie e uomini come cavie per studiare gli effetti del biossido di azoto sulla salute. A sollevare la questione che riguarderebbe Bmw, Mercedes-Benz, Volkswagen e Bosch sono state alcune riviste americane e tedesche. I test si sarebbero svolti nel 2014 in un laboratorio americano e sarebbero stati commissionati dall’Associazione Europea per lo Studio della Salute e dell’Ambiente Trasporti (nota come EUGT), fondata dai quattro colossi automotive nel 2007 proprio per approfondire gli studi sull’impatto dell’inquinamento atmosferico, e sciolta lo scorso anno.

Volkswagen e Daimler hanno preso immediatamente le distanze.

Hans Dieter Poetsch, presidente del Consiglio di sorveglianza di Volkswagen ha fatto sapere che questi esperimenti non sono in alcun modo accettabili e che i vertici si impegneranno affinché vi sia un’indagine completa sulle procedure e chi ha sbagliato possa pagare.

Daimler in un comunicato ufficiale ha scritto “Ci dissociamo espressamente dagli studi e dall'EUGT. Siamo sconvolti dalla natura e dalla portata degli studi e dalla loro attuazione e condanniamo gli esperimenti nel modo più assoluto. L'approccio di EUGT contraddice i nostri valori ed i nostri principi etici. Anche se Daimler non ha avuto influenza sulla progettazione dello studio, abbiamo avviato un'indagine approfondita sulla questione.”

Deve, invece, ancora pronunciarsi Bmw.

In primo piano
Vacanze Sicure 2018, dati allarmanti

14/07/2018 – Cattive notizie dall’ultima edizione di Vacanze Sicure, l’indagine annuale (oggi alla sua quindicesima edizione) effettuata dalla Polizia Stradale e promossa da Assogomma in tandem con Federpneus.

Leggi tutto
30,9 miliardi per la cura dell’auto

10/07/2018 - Nell’ultimo anno gli italiani hanno speso 30,9 miliardi per la manutenzione e la riparazione delle loro autovetture, il 4,8% in più rispetto al 2016. È quanto emerge da uno studio dell’Osservatorio Autopromotec

Leggi tutto
Fca dice addio alla Punto

8/07/2018 – L’11 agosto di quest’anno, dalla linea produzione Fca di Melfi in provincia di Potenza uscirà l’ultima Punto.

Leggi tutto
Mercato giù in attesa di quello che verrà

4/07/2018 - Con 174.702 immatricolazioni il mercato dell’auto in Italia a giugno ha segnato una flessione del 7,3% secondo i dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Da inizio anno le registrazioni hanno raggiunto quota 1.137.299 unità con un meno 1,5% sul primo semestre 2017.

Leggi tutto