Menu

‘Dieselgate’ anche per Porsche?

29/07/2017 – Sembrano non finire gli strascichi del ‘dieselgate’ Volkswagen, che ora trascina nel vortice anche la controllata Porsche.

Il ministro dei trasporti tedesco, Alexander Dobrindt (in quota alla Csu), ha infatti ordinato il richiamo di ben 21.500 (6.000 dei quali nella sola Germania) Suv della famiglia Cayenne equipaggiate col motore 3 litri turbodiesel Euro 6. Vetture che sfrutterebbero quindi il famigerato software illegale per abbassare artificiosamente i livelli d’inquinanti, nonostante il V6 montato nella vettura sia già di quelli equipaggiati con un sistema di post-trattamento Scr funzionante a urea.

In realtà, Porsche avrebbe autodenunciato il fatto alle autorità tedesche competenti dopo che, nel corso di un’indagine interna, la Casa di Zuffenhausen aveva rilevato un sistema irregolare per la gestione delle emissioni e di essersi subito attivata per porvi rimedio con un aggiornamento. Nel frattempo però il ministro ha puntualizzato che i veicoli incriminati in uscita dalle linee di produzione non potranno circolare fino a quando il problema non sarà risolto.

Tutto questo a pochi giorni dal meeting – in programma per il prossimo 2 agosto - nel corso del quale costruttori e autorità tedesche discuteranno soluzioni per ridurre le emissioni dei motori diesel. Emissioni protagoniste anche di una recente azione, annunciata qualche giorno fa dai concorrenti di Daimler.

In primo piano
Cellulari alla guida, nessun inasprimento

11/12/2017 - Nessuna stretta legislativa sull'uso dei cellulari alla guida e bocciata anche l’obbligatorietà della presenza di allarmi ‘antiabbandono’ nei seggiolini per bambini da montare in auto. La modifica dell'articolo 173 del Codice della Strada che prevedeva la sospensione immediata della patente fino a tre mesi e un minimo di 322 euro di multa per chi fosse stato pizzicato con il telefonino al volante non ha ottenuto l’approvazione della Commissione Bilancio della Camera.

Leggi tutto
Dieselgate, Codacons contro Cnr

10/12/2017 – La vicenda del Dieselgate Volkswagen assume ora una connotazione italiana alquanto kafkiana. Protagonista un cittadino di Messina, proprietario di un’automobile rientrante nei modelli incriminati che – tramite il Codacons - si è rivolto al tribunale Civile della sua città per chiamare in causa l’azienda tedesca, da cui si ritiene danneggiato.

Leggi tutto
Il mercato vola

5/12/2017 – Positivo il mercato dell’auto in Italia. Il mese di novembre, stando ai numeri diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha totalizzato 156.332 immatricolazioni, il 6,8 per cento in più rispetto allo stesso mese 2016.

Leggi tutto
Piemonte, ibride esentasse

3/12/2017 – S’allunga la lista delle regioni italiane che – nel segno della sostenibilità - concedono ‘facilitazioni’ a chi possiede e utilizza vetture ibride.

Leggi tutto