Menu

Daimler per i diritti umani

6/05/2018 – Il Gruppo Daimler ha deciso d’intensificare le proprie attività mirate al rispetto dei diritti umani, così da compiere un ulteriore e importante passo avanti a favore di una mobilità sostenibile, comprendente pure l’approvvigionamento responsabile delle materie prime.

Si tratta del Human Rights Respect System, nuovo programma del konzern tedesco mirante a prevenire e combattere tempestivamente, nonché con la massima efficacia, eventuali violazioni appunto dei diritti umani nel mondo, controllando attentamente l’operato di fornitori e – soprattutto – subfornitori, spesso poco tracciabili.

A tal scopo, nelle località dove operano i principali fornitori sono stati predisposti degli ‘audit team’ capaci perfino di arrivare all’inizio della catena di fornitura, fino ad esempio alle miniere dove si estraggono minerali utili alla produzione di batterie, alluminio o acciaio.

Tra i compiti di questa task force anche il controllo del lavoro minorile, assolutamente combattuto dalla multinazionale teutonica.

In primo piano
La revoca è illegittima

20/02/2014 - Ha superato il vaglio di costituzionalità sul divieto di bilanciare aggravanti con attenuanti la Legge 41 del 2016, quella che ha introdotto il reato di omicidio stradale, una fattispecie dell’omicidio colposo, e quello di lesioni personali stradali gravi o gravissime

Leggi tutto
Giovani talenti cercasi

16/02/2019 – Come ogni anno, anche per questo 2019 Bentley apre le porte ai giovani, dando il via alla campagna di apprendistato per ben cinquantuno posizioni che verranno attivate in autunno.

Leggi tutto
Codice della Strada, (forse) si cambia

14/02/2014 - In questi giorni si fa un gran parlare di biciclette contromano, velocità massima elevata a 150 chilometri orari sulle autostrade. E ancora, divieto di fumo alla guida. Attenzione, però: si tratta solo di proposte di legge di modifica al Codice della Strada,

Leggi tutto
Italia ultima nel recupero veicoli

9/02/2019 – Ebbene sì, siamo fanalino di coda anche sul fronte dei rottami. Secondo i numeri di Eurostat, aggiornati però al lontano 2016, il Bel Paese riciclerebbe in maniera ecocompatibile solo l’82,6 per cento delle parti che compongono un autoveicolo a fine vita.

Leggi tutto