Menu

Costi per l’assistenza in crescita

14/02/2018 - Nel 2017 i prezzi pagati per l’assistenza degli autoveicoli in Italia sono aumentati mediamente dell’1,0 per cento rispetto al 2016. La notizia è stata diffusa dall’Osservatorio Autopromotec che ha analizzato le rilevazioni mensili dell’Istat sui prezzi al consumo.

L’aumento più significativo lo registrano i costi relativi alla manutenzione e alla riparazione con un più 1,3 per cento. Più contenuti gli incrementi relativi ai lubrificanti (più 0,8), ai pezzi di ricambio e agli accessori (0,3 per cento). Invariati, infine, i costi relativi ai pneumatici.

Il più 1 per cento messo a segno dal comparto assistenza è leggermente inferiore all’incremento del livello generale dei prezzi al consumo, che è stato, nell'ultimo anno, dell’1,2 per cento.

Da notare che, a fronte dell’aumento comunque decisamente modesto dei prezzi dell’assistenza, si registra una crescita, sempre modesta, dei prezzi delle vetture nuove (più 0,9 per cento) e una contrazione decisamante più marcata (meno 2,6) per le auto usate, tornate sui livelli pre-crisi.

 

 

In primo piano
Sulle orme dei grandi

17/02/2018 – Una ‘singolar tenzone’ all’ultimo bullone. È questo ciò che attende i concorrenti dello Scania Top Team Mini, sfida locale che s’ispira alla nota competizione internazionale per meccanici del Grifone e che si terrà martedì 20 febbraio nella sede italiana della Casa svedese.

Leggi tutto
Costi per l’assistenza in crescita

14/02/2018 - Nel 2017 i prezzi pagati per l’assistenza degli autoveicoli in Italia sono aumentati mediamente dell’1,0 per cento rispetto al 2016. La notizia è stata diffusa dall’Osservatorio Autopromotec che ha analizzato le rilevazioni mensili dell’Istat sui prezzi al consumo.

Leggi tutto
Bentley cerca nuove leve

10/02/2018 – Al via anche quest’anno la campagna Bentley (gruppo Volkswagen) per l’assunzione di nuovi giovani talenti in tutto il mondo.

Leggi tutto
Obiettivo centrato con tre anni di anticipo

5/02/2017 - I veicoli elettrici non decollano in Italia ma in altre parti del mondo le cose sembrano andare decisamente meglio tanto che un costruttore come Toyota che ha puntato sulle zero emission, ha raggiunto il suo target 2020 con ben tre anni di anticipo.

Leggi tutto