Menu

Consumi di carburanti in calo

16/02/2020 – Sono 58 i miliardi di euro spesi in Italia nel 2019  da automobilisti e imprese per l’acquisto di carburanti per autotrazione. Una bella cifra, che però è inferiore del 2 per cento rispetto a quella dell’anno precedente e ciò a causa di due fattori: il calo del prezzo medio ponderato alla pompa dei combustibili e la contrazione dei consumi, quest’ultima dovuta non a una diminuzione dei veicoli circolanti, quanto piuttosto alla sostituzione di veicoli vecchi con altrettanti nuovi, meno assetati.

Questo dimostra una volta di più come il rinnovo del parco circolante comporterebbe notevoli vantaggi, sia sul fronte delle emissioni sia su quello della spesa pro capite per la mobilità. Purtroppo le immatricolazioni di autovetture in Italia sono sempre inferiori al livello necessario per una regolare sostituzione del parco circolante, attualmente attestato intorno a un imbarazzante 11 anni e mezzo di media. Roba da terzo mondo.

In primo piano
Mercato dell’auto a picco

2/04/2020 - Precipita il mercato dell’auto a marzo. Causa lockdown sull’intero territorio nazionale a partire dallo scorso 11 marzo ci si è fermati a 28.326 unità, l’85 per cento in meno rispetto allo stesso mese dello scorso anno quando si era toccata quota 194.302 immatricolazioni.

Leggi tutto
Pronti a contrastare il cambiamento (climatico)

31/03/2020 - Gli italiani sono pronti a sostenere misure di contrasto ai cambiamenti climatici, anche se questo può impattare sulla loro vita quotidiana. È quanto emerge dalla seconda edizione dell’indagine sul clima promossa dalla Banca europea per gli investimenti e condotta in partenariato con BVA

Leggi tutto
Slittano le revisioni

29/03/2020 - Nell’ambito delle attività di contrasto alla diffusione del Covid- 19 decise dal Consiglio dei Ministri e inserite nel Decreto ‘Cura Italia, c’è una norma specifica che proroga di qualche mese la scadenza delle revisioni auto.

Leggi tutto
Il prezzo di connettività e basso impatto

24/03/2020 - Connettività e guida autonoma, sebbene destino sempre meno interesse a livello globale, piacciono agli italiani che non sono però disposti a pagare di più per usufruirne. Se devono mettere mani al portafoglio lo fanno per acquistare, invece, un’auto a basso impatto ambientale purché vi siano certezze sulle prestazioni e le modalità di ricarica delle batterie.

Leggi tutto