Menu

Additive manufacturing anche per le auto

1/09/2018 – è quasi futuro anteriore, ma comincia a farsi spazio anche nella produzione in serie di componenti automotive metallici, con un grado d’affidabilità altissimo, tanto da essere utilizzato anche nel settore aerospaziale.

Si tratta dell’additive manufacturing, in italiano la ‘fabbricazione additiva’, un processo così detto perché consente di produrre i pezzi delle vetture per addizione – unendo cioè solo le particelle di materia prima necessarie con zero sprechi – anziché per sottrazione – ossia con fusione in stampi o tornendo blocchi grezzi -. In pratica un’evoluzione della stampa 3D, che verrebbe però qui integrata nella produzione di serie e di grossi volumi. Così sulla catena di montaggio, le macchine AM, opportunamente riempite con le materie prime e programmate a dovere, sarebbero in grado di fabbricare i pezzi di volta in volta necessari all’assemblaggio, senza blocchi del ‘flow’ produttivo.

Una strada imboccata da Daimler già nel 2017, attraverso NextGenAm, joint-venture con la connazionale Premium Aerotec (specialista in componenti aerospaziali) e la bavarese Eos (leader nella stampa 3D). Un accordo mirante ora a virare questo tipo di produzione dall’impiego del titanio a quello dell’alluminio, molto più adatto all’industria automobilistica e verso livelli di longevità paragonabili a quelli dei prodotti fabbricati coi metodi tradizionali.

In primo piano
Come si cambia

18/09/2018 - Più lunghe, più larghe e sempre più straniere. I gusti degli italiani in fatto di automobili in 50 anni sono cambiati parecchio, come del resto l’offerta stessa che è cresciuta in modo esponenziale per arrivare a contare oggi 501 modelli contro gli 89 del 1968.

Leggi tutto
Maggiolino addio. Per sempre

15/09/2018 – Stavolta sarà veramente per sempre, almeno di ripensamenti in chiave elettrica dell’ultima ora. Ma, al momento, la decisione è questa: il 19 luglio del prossimo anno, dallo stabilimento Volkswagen di Puebla (Messico), l’unico rimasto a produrre la mitica vettura tedesca, uscirà l’ultimo Maggiolino.

Leggi tutto
Il Wltp dà un boost al mercato

8/09/2018 – Obbligatorio da questo 1° settembre e chiamato a sostituire l’attuale ciclo Nedc, il Worldwide harmonized Light-Duty vehicles Test Procedure (Wltp) è il nuovo metodo mondiale di controllo standardizzato per il rilevamento di consumi ed emissioni relativamente ad auto e furgoni.

Leggi tutto
Il web non passa l'esame

4/09/2018 – Nella ‘web era’ i siti internet delle case costruttrici non passano l’esame. È quanto emerge da un’analisi condotta da Forrester, azienda di ricerca e consulenza con presenza globale, che ha messo sotto la lente d’ingrandimento 11 dei principali marchi automobilistici in Europa: Audi, Bmw, Citroën, Ford, Mercedes-Benz, Nissan, Peugeot, Renault, Toyota, Vauxhall e Volkswagen, selezionati in base ai loro elevati volumi di vendita sia nel mercato di massa che nelle categorie di lusso.

Leggi tutto