Menu

15mila contraffatti sequestrati

10/05/2020 – Sono ben 15mila gli autoricambi contraffatti sequestrati lo scorso 4 maggio dalla Guardia di Finanza di Torino. Le Fiamme Gialle della compagnia di Susa hanno trovato i pezzi di ricambio dentro un capannone ubicato nelle campagne di San Gillio, a nord-ovest del capoluogo piemontese. Lì, i ricambi venivano fabbricati da un cinquantenne di La Cassa (To), già noto alle forze dell’ordine e specializzato nella produzione sia di componenti sia di accessori falsificati del gruppo Fca. E nel listino di questi prodotti contraffatti non c’erano solo quelli destinati ad auto attuali, bensì – cosa ancor più grave – quelli destinati ad automobili d’epoca.

In aggiunta, nel corso dell’intervento, i finanzieri hanno riscontrato anche gravi anomalie sul fronte dello smaltimento dei rifiuti (anche pericolosi) e dei residui di lavorazione, che venivano ammassati all’interno di questo capannone, fuorilegge anche dal punto di vista ambientale, perché provvisto di tetto in amianto.

Infine, dentro il fabbricato era stata realizzata perfino un’officina destinata alla riparazione di veicoli e in cui operavano lavoratori non in regola.

L’accusa per l’artefice di tutto è di contraffazione, frode in commercio, reati ambientali e ricettazione.

In primo piano
In auto è meglio

27/05/2020 – Come previsto l’emergenza Coronavirus ha dato un nuovo forte impulso alla mobilità privata penalizzando il trasporto pubblico. Emerge da un’analisi dell’Osservatorio Autopromotec su fonte Isfort.

Leggi tutto
Nubi dense sulla Losanga

24/05/2020 – S’annunciano tempi duri per l’ex Régie Renault, da gennaio di quest’anno guidata dall’italiano Luca de Meo.

Leggi tutto
Pulite e disinfettate

20/05/2020 - Quali procedure attuare in officina e quali strumenti utilizzare contro il Covid-19 per tutelare i propri clienti, dipendenti e l’attività e non incorrere in sanzioni? Questo il tema dell’ultimo appuntamento, rigorosamente virtuale, con ‘A testa alta',

Leggi tutto
L’automobile Dyson che non fu

17/05/2020 – Definitivamente pensionata - nell’ottobre scorso - l’idea di un’auto elettrica a batteria, James Dyson, lo Steve Jobs degli aspirapolvere,

Leggi tutto