Menu

“Adesso basta!” Il vicepresidente di AsConAuto, Giorgio Boiani, reagisce così alla misura di nuova tassazione per il mercato automotive.

Adesso basta!

Il vicepresidente di AsConAuto, Giorgio Boiani,

reagisce così alla misura di nuova tassazione per il mercato automotive.

 

DICHIARAZIONE

 

Bruxelles, 6 dicembre 2018. “Adesso basta!”.  Anche AsConAuto, attraverso il suo viceprsidente, Giorgio Boiani, prende posizione a proposito dell’ecotassa “bonus-malus” che andrebbe a gravare, senza rilanciarlo, il settore automotive.

 

Come si può ignorare il mercato e quello che sostengono concordi tutti gli operatori dell’automotive che mettono energie, impegno, lavoro, cuore e passione ogni giorno in un settore che, proprio di recente, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte  ha sottolineato essere «un comparto chiamato a sforzi sempre più rilevanti», sostenendo «Non siamo sordi alle proposte di miglioramento, vogliamo essere vicini all’auto per affrontare e vincere le sfide». Come è possibile che giunga un provvedimento  all’ultimo minuto  che gravi sull’automotive con una nuova ed ennesima tassa  nella volontà di favorire, così è stato dichiarato,  vendite di veicoli a basse o zero emissioni. Al di là  delle dichiarazioni è una misura che purtroppo si traduce in un’altra penalizzazione per il nostro lavoro e soprattutto per il consumatore finale. Basta pensare  che dal primo gennaio 2019 fino a tutto il 2021, una imposta crescente - da 150 a 3mila euro - è destinata a pesare sulla immatricolazione di auto nuove con emissioni di Co2 superiori ai 110 grammi/km. Se per esempio prendiamo il modello più venduto in Italia: la Fiat Panda 1.2, prodotta a Pomigliano, tra le vetture non ibride con le più basse emissioni di Co2 con il nuovo sistema un acquirente dal 2019 deve pagare una imposta  variabile dai 400 ai 1.000 euro. Anche la voce delle Associazioni dei consumatori, infatti, si aggiunge alla generale levata di scudi contro l’adozione della misura: “solito bancomat di tassazione sull’auto”. È pura follia cambiare le regole sulle quali stiamo lavorando senza neppure consultarci. Non basta la guerra che affrontiamo tutti i giorni nel cambiamento dei mercati adesso ce la fanno anche in casa. Adesso basta!”.

 

 

 

AsConAuto aggrega Consorzi, organizzati su base territoriale, formati dalle Concessionarie nell’obiettivo di realizzare una gestione delle vendite di ricambi originali, efficace ed efficiente, per officine e carrozzerie indipendenti. I 926 Concessionari, soci dei 21 Consorzi  che compongono la rete associativa attiva in 82 Province, sviluppano il fatturato per gli autoriparatori, che ormai sono 20.525 sul territorio nazionale. La rete associativa interviene con una forza qualificata di 408 persone fra logistica e front-office a supporto del sistema. Ogni giorno lavorativo i 110 promoter, con i loro mezzi e i 320 logistici, sui furgoni della rete associativa, percorrono, in chilometri, ben oltre il giro completo dell’equatore. Garantendo affidabilità e puntualità da parte della rete AsConAuto nel presidio capillare  del servizio di ricambi originali sul territorio. AsConAuto è diventata, dal 2001, anno di fondazione, ad oggi, una realtà consolidata e diffusa in modo capillare sul territorio nel nostro Paese ed è riconosciuta come garanzia di affidabilità, competenza e professionalità. La formula è originale. Servizi diversificati, innovazione e ricerca di partnership garantiscono lo sviluppo efficace del progetto associativo e assicurano all’Associazione il primato europeo nel settore, tanto da renderla un modello da seguire.

 

Media Relator AsConAuto:

Donatella Tirinnanzi - mob: 335 1431211 - e-mail:  d.tirinnanzi@asconauto.it

In primo piano
Contraffatti, scoperti e distrutti

17/04/2019 - Pochi anni fa i ricambi Originali Hyundai e Kia, marchi del Gruppo Hyundai Motor, erano poco contraffatti sia perché il numero di vetture vendute in Europa era ancora poco interessante per i falsificatori, sia perché il gruppo coreano sviluppava internamente ogni componente, evitando di diffondere disegni tecnici e dettagliati delle singole parti.

Leggi tutto
Il mega dealer è servito

13/04/2019 – Si vociferava da tempo che qualcosa tra i dealer più strutturati del Norditalia dovesse succedere.

Leggi tutto
Svecchiamo il parco

9/04/2019 - “Gli incentivi fino a 6.000 euro per l'acquisto di auto che costano 50.000 euro non servono a chi oggi guida e si può permettere solo una Punto del 1997”. Così Gianluca Pellegrini, direttore di “Quattroruote, ha aperto gli Stati Generali della Mobilità, organizzati da Federmotorizzazione nella sede milanese di Confcommercio.

Leggi tutto
Prezzi auto: nuove su usate giù

6/04/2019 – Da un’analisi degli indici Istat sui prezzi al consumo, emerge come nel quadriennio 2015-2018 i prezzi delle auto nuove siano cresciuti del 3,4 per cento, mentre quelli delle usate siano addirittura scesi del 6,3.

Leggi tutto