Menu

Comunicato stampa 04 - 2018 - "AsConAuto a #FORUMAutoMotive"

AsConAuto a #FORUMAutoMotive.

Il vicepresidente Boiani sottolinea la necessità del dialogo con il mondo politico

e, se si parla di connettività, di più trasparenza nell’accesso ai dati del consumatore.

                                                                                                           

Milano, marzo 2018.  #FORUMAutoMotive prosegue l’attività a difesa dei valori della mobilità a motore e dell’indotto del comparto automotive, promuovendo periodici eventi informativi e iniziative di confronto tra i principali attori della filiera e il mondo politico.

Molte e complesse sono le tematiche con le quali il settore automotive  si deve misurare ed è indispensabile  che gli addetti ai lavori diano al mondo politico  indicazioni precise per indirizzare al meglio  gli interventi a sostegno dello sviluppo del comparto.

Il settore automotive occupa, infatti,  un milione e duecentomila lavoratori in Italia,  per l’11 per cento del Pil nazionale. E vale 73 miliardi di entrate per l’Erario. Eppure viene costantemente trascurato dalla politica.

Una Tavola rotonda: “La visione di una mobilità connessa”, moderata da Pierluigi Bonora, giornalista e promotore di #FORUMAutoMotive, che ha aperto la due giorni di lavori #FORUMAutoMotive, evento svoltosi a Milano, ha visto presenti tutte le Associazioni di categoria – tra cui AsConAuto - oltre a quella  di due esponenti della politica: Alessandro Cattaneo, neo deputato di Forza Italia e già vicepresidente di Anci e Claudio Lubatti, esponente del PD e rappresentante Anci all’Osservatorio ministeriale nazionale del Trasporto Pubblico Locale -TPL.

Giorgio Boiani, vicepresidente AsConAuto, sottolinea con efficacia nel suo intervento, che “Non è possibile parlare con i diretti interlocutori a Roma e portare a compimento un discorso. È davvero incredibile come non ci sia ancora un esponente del settore automotive nelle Commissioni parlamentari”

Il dibattito ha visto anche la partecipazione di Gion Baker, ceo di Vodafone Automotive, che ha presentato il piano del gruppo di TLC sulla mobilità connessa: “Il nostro lavoro –ha affermato- è quello di aiutare nell’approccio digitale le imprese che hanno bisogno di supporto allo scopo di digitalizzare il loro business. In Italia contiamo più di 650.000 clienti e abbiamo circa 62 milioni di oggetti connessi nel mondo: 7,5 milioni in Italia”. 

Boiani, nel  precisare  le riflessioni in corso nella rete AsConAuto, oltre alla difficoltà nel parlare con gli interlocutori politici, ha sottolineato  come la connettività, spesso, possa rivelarsi negativa,  quasi  anticipando i commenti dei media riguardo alle ultime vicende collegate  allo scandalo Facebook: “Mi chiedo –ha aggiunto- se l’azienda ogni tanto chieda ai consumatori che cosa vogliano. Tutta questa connettività e i collegamenti con dispositivi vari, sono accettati positivamente? Io non sono così sicuro in merito; personalmente vorrei maggiore sicurezza. Una argomentazione che merita l’approfondimento”.

Anche in questa occasione, AsConAuto, per voce del vicepresidente con delega alla comunicazione, riconferma il proprio ruolo attivo e di primo piano nella mutazione in atto  nel mercato allo scopo di dare una migliore riconoscibilità e rappresentatività al comparto e al suo peso economico nella economia italiana.

 

 

AsConAuto-Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto

21 Consorzi, 917 Concessionari Auto con 1.618 sedi operative, 87 marchi rappresentati, 19.580 autoriparatori dislocati in 75 Province e 16 Regioni.

Dal 1996 a oggi sono stati distribuiti ricambi originali per un valore netto che oltrepassa i 4 miliardi di euro: un risultato fuori del comune. Altro dato da rilevare è che la rete incassi, messa a punto e realizzata dall’Associazione, garantisce una soglia d’insolvenza nella riscossione delle fatture prossima allo zero

Ogni giorno lavorativo la squadra composta da 92 promotor e da 259 furgoni addetti alla logistica della rete associativa percorrono in chilometri oltre il giro completo dell’equatore, per garantire affidabilità e puntualità da parte della rete AsConAuto nel presidio capillare del servizio di ricambi originali sul territorio. La rete associativa interviene con una forza qualificata di circa 350 persone fra logistica e front-office a sostegno del sistema AsConAuto, ormai realtà consolidata e diffusa capillarmente sul territorio: garanzia di affidabilità, competenza e professionalità.

In primo piano
L’elettrico decollerà dopo il 2025

15/08/2018 – Ci sarà d’aspettare il 2025 affinché la trazione elettrica spicchi definitivamente il volo. Lo afferma la britannica Globaldata, società specializzata nella raccolta e analisi dei dati, che aggiunge come quello della mobilità elettrica sarà uno dei quattro pilastri portanti della futura industria automotive. Dall’1 per cento d’immatricolato elettrico mondiale del 2017 si crescerà fino al 15 per cento nel 2030.

Leggi tutto
Mercato ricambi in crescita

12/08/2018 - Secondo i dati del ‘Barometro aftermarket’, una rilevazione statistica interna al gruppo Componenti dell’Anfia che fornisce un’indicazione sull’andamento del mercato dei ricambi auto, il fatturato aftermarket registra un incremento del 2,3 per cento nel primo semestre del 2018 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, che invece era in calo dell’1,8 se paragonato al semestre omologo del 2016.

Leggi tutto
Mani sul volante

6/08/2018 – In Italia c’è ancora molto da fare sul versante della sicurezza stradale. A dirlo sono i numeri: i dati Aci/Istat diffusi gli scorsi giorni denunciano un incremento dei morti in seguito a incidente del 2,9 per cento nell’ultimo anno: 3.378 contro i 3.283 del 2016. Colpa soprattutto della velocità eccessiva e dell’utilizzo indiscriminato di apparecchiature tecnologiche anche al volante.

Leggi tutto
Gli italiani non rinunciano all’auto

3/08/2018 - Tra gli italiani e le automobili è vero amore. Nonostante i proclami contro le quattro ruote nella Penisola continua a crescere il tasso di motorizzazione, ossia il numero di autovetture circolanti ogni 1.000 abitanti: dal 2013 al 2016 è passato da 608 a 625, segnando un più 2,8%.

Leggi tutto