Menu

AsConAuto conferma la crescita a due cifre. Oltrepassati i 655 milioni di euro di volume d’affari nel 2018 In aumento del + 13,35 per cento sull’anno precedente.

AsConAuto conferma la crescita a due cifre.

Oltrepassati i 655 milioni di euro di volume d’affari nel 2018

In aumento del + 13,35 per cento sull’anno precedente.

 Bologna, febbraio 2019. AsConAuto-Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto aggrega 22 Consorzi, organizzati su base territoriale in 83 province e in  16 Regioni, formati da  922 Concessionari   nell’obiettivo di realizzare una gestione delle vendite di ricambi originali, efficace ed efficiente attraverso un processo di ottimizzazione delle risorse e un innovativo servizio di distribuzione a officine e carrozzerie indipendenti. Oggi  è considerata una protagonista del settore automotive  e ne fa parte più del 60 per cento delle concessionarie operative in Italia.

 AsConAuto   supera i 655 milioni di euro di volume d’affari  contabilizzato nel  2018. Malgrado le difficoltà emerse nell’ultimo trimestre dell’anno scorso per il comparto automotive  si conferma così  un positivo  livello di crescita e di sviluppo per  i Consorzi aderenti all’Associazione con un Incremento  pari a  + 13,35  per cento rispetto al  volume d’affari  sviluppato nell’anno precedente.

Ogni giorno lavorativo 113 promoter con i loro mezzi e 315 furgoni addetti alla logistica della rete associativa percorrono in chilometri ben oltre il giro completo dell’equatore: una garanzia di affidabilità e puntualità che la squadra associativa fornisce al servizio di ricambi originali. La rete associativa interviene con una forza qualificata di 414 persone fra logistica e front-office a sostegno del sistema, diffuso in modo capillare sul territorio italiano:  garanzia di affidabilitàcompetenzaprofessionalità

A  ulteriore testimonianza della efficacia riconosciuta dal mercato e del successo del progetto associativo a oggi sono stati distribuiti ricambi originali per un valore netto superiore ai  5 miliardi di euro. Un altro dato  fuori del comune riguarda  la rete incassi, ideata e messa a punto negli anni  dall’Associazione, che  è in grado di  garantire una soglia d’insolvenza nella riscossione  delle fatture  che si approssima allo zero.

  Fabrizio Guidi, presidente di AsConAuto - Associazione Consorzi Concessionari Auto commenta: “Siamo stati in grado di  fronteggiare con efficacia i cambiamenti  e  ci siamo dimostrati capaci di raggiungere traguardi significativi con la nostra attività anche nello scorso anno. La crescita oltre i 655 milioni di euro nel 2018 con un + 13,35 per cento, rispetto all’anno precedente, ci conforta nel nostro lavoro quotidiano di confronto e di riflessione in comune sulle possibili sinergie e sui risparmi realizzabili. Il parlare di numeri, di previsioni e di risultati  ha messo  in grado l’Associazione negli anni  di potenziare la gamma di offerte e di creare strumenti idonei a fidelizzare la clientela degli autoriparatori clienti.   Confidiamo di continuare la nostra attività con pari successo anche quest’ anno  in cui il settore automotive  deve affrontare un momento che si presenta particolarmente difficile. Il 2019, infatti,  si  è aperto con una diminuzione del 7,6% nelle autovetture vendute  nel mese di gennaio (fonte  Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti). Restiamo tuttavia  fiduciosi che sapremo superare anche la nuova  difficile congiuntura con concretezza e con spirito di squadra, potenziando le innovazioni già in uso e creando nuove iniziative e alleanze, in conformità al mutamento  turbinoso del mercato”.

E il presidente Guidi sottolinea: “Tutta l’attività interna di AsConAuto, verso i propri affiliati e soci, si basa ormai sulla comunicazione digitale. Le nuove tecnologie integrate a supporto dell’attività quotidiana si sono dimostrate una risorsa importante per sostenere lo sviluppo del nostro progetto e per fare fronte in modo efficace alla velocità del cambiamento imposto dal mercato. Le auto sono sempre più connesse e c’è ormai una sorta di standardizzazione nei contatti con il cliente. Ed è necessario recuperare il ruolo centrale dell’uomo nella gestione dei rapporti. Il mercato avrà la necessità di “auto senza pensieri”, sia nella gestione sia nell’utilizzo. L’uso dell’auto e la sua manutenzione richiederanno attenzioni differenti e servizi originali e l’Associazione fa ricorso alla innovazione per sostenere il suo progetto di sviluppo nel tempo. La facilitazione della comunicazione tra concessionari e autoriparatori per acquisto e vendita dei ricambi originali avviene attraverso varie strumentazioni e operazioni innovative. Alcuni esempi emblematici sono, ad esempio,  Integra: una piattaforma proprietaria per mettere in comunicazione il gestionale della officina e quello delle concessionarie. BeeTip, invece, è un nuovo sistema proprietario di tracciatura ricambi in tempo reale, disponibile per tutte le sedi e integrato su tutta la rete distributiva. Progetto PLS documenta la volontà dell’Associazione di affrontare fattivamente le nuove sfide della logistica, attraverso la creazione di una rete di magazzini di prossimità per le varie concessionarie e la prima iniziativa potrebbe vedere la luce proprio nel 2019.

Il presidente Guidi dichiara: “Il progetto associativo agisce anche su aree collegate alle tematiche differenti del mercato del lavoro emerse nel mondo automotive. Un nuovo contratto, creato per le particolari necessità del nostro comparto, è una risorsa originale che l’Associazione ha potuto mettere a disposizione degli associati AsConAuto, ma anche di chi ne intenda fare uso nel mercato specifico. Oggi l’Associazione interviene anche con progetti formativi specifici e mirati per sostenere la professionalità nei servizi post-vendita ed essere in grado di fare fronte alle mutate esigenze e comportamenti della clientela. Insomma, il nostro lavoro di ricerca e di messa a punto di risorse adeguate per fare fronte al cambiamento prosegue con tenacia nella ferma volontà di dare risposte per sostenere lo sviluppo del nostro business: una voce ragguardevole del comparto automotive per entità di posti di lavoro e risultati sviluppati e, voglio rilevare, risultato ottenuto senza sostegni da parte del mondo politico ma con le sole nostre forze e il nostro impegno, sia personale che economico”.

AsConAuto-Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto.18 anni di attività.

AsConAuto costituisce una sorta di snodo centrale dei rapporti imprenditoriali tra chi vende automobili e chi si prende cura della vettura nella fase post-vendita, come officine, elettrauto e carrozzieri.   L’Associazione è diventata una protagonista del settore automotive: ormai ne fa parte più del 60 delle concessionarie operative in Italia.

22 Consorzi, 922 Concessionari Auto con 1.734 sedi operative, 88 marchi rappresentati, 20.710 autoriparatori dislocati in 83 Province e 16 Regioni.

Ad oggi sono stati distribuiti ricambi originali per un valore netto che oltrepassa i 5 miliardi di euro: un risultato fuori del comune. Altro dato da rilevare è che la rete incassi, messa a punto e realizzata dall’Associazione, garantisce una soglia d’insolvenza nella riscossione delle fatture prossima allo zero

Ogni giorno lavorativo 113 promoter e 315 furgoni addetti alla logistica della rete associativa percorrono 43.500 chilometri: oltre il giro completo dell’equatore, per garantire affidabilità e puntualità da parte della rete AsConAuto nel presidio capillare del servizio di ricambi originali sul territorio. La rete associativa interviene con una forza qualificata di 414 persone fra logistica e front-office a sostegno del sistema AsConAuto, ormai realtà consolidata e diffusa capillarmente sul territorio: garanzia di affidabilità, competenza e professionalità. 

La formula è originale. E, ogni anno, iniziative originali e strumenti innovativi sono posti a disposizione della rete associativa per potenziare gli scambi e sostenere opportunità a supporto dello sviluppo economico e della professionalità degli addetti. AsConAuto dal 2009 è associata alla NADA-National Automobile Dealer Association che annovera oltre 14.000 concessionari americani.

In primo piano
Mai più contromano. Si spera

24/03/2019 – Potrebbe essere la soluzione definitiva per tutti quegli sbadati – e sono 2.000 all’anno solo in Germania – che imboccano strade e autostrade contromano.

Leggi tutto
Usato (2018) sotto la lente d’ingrandimento

22/03/2019 - Un anno buono il 2018 per l’usato. Con 5.567.570 trasferimenti di proprietà complessivi, il segmento ha registrato un più 4,3 per cento. Dalla scomposizione emerge un andamento simile fra trasferimenti netti, più 4 per cento con 3.043.577 unità, e minivolture (i trasferimenti temporanei agli operatori in attesa della rivendita al cliente), più 4,6, a quota 2.523.993.

Leggi tutto
Prezzi giù per l’autoriparazione

16/03/2019 - In febbraio, scendono - anche se di poco - i prezzi praticati dalle officine di autoriparazione. Secondo le inchieste mensili effettuate su campioni rappresentativi di autofficine dall’Osservatorio Autopromotec, l’83 per cento degli autoriparatori ha indicato normale il livello dei prezzi, ma coloro che lo hanno giudicato basso sono stati di più di coloro che lo hanno ritenuto alto: 15 per cento contro 2.

Leggi tutto
Usato in crescita

13/03/2019 – Mentre in Italia il mercato del nuovo soffre quello dell’usato sembra in ripresa. A febbraio i passaggi di proprietà delle auto, al netto delle minivolture (i trasferimenti temporanei al concessionario in attesa della rivendita al cliente finale) sono stati 264.850, il 3,7 per cento in più dello stesso mese 2018. Per ogni 100 vetture nuove ne sono state vendute 162 usate.

Leggi tutto