Menu

Cosa Facciamo

Dal 2001 a oggi, i Consorzi AsConAuto hanno distribuito Ricambi Originali per quasi 5 miliardi di euro.

L’attività prevalente dei Consorzi AsConAuto è lo sviluppo delle vendite dei Ricambi Originali da parte delle concessionarie associate verso gli autoriparatori del network.

La costante ricerca di miglioramento ha portato AsConAuto a essere un vero e proprio punto di riferimento sia nazionale che internazionale per il modello di business ancora oggi unico nel suo genere.

L’erogazione di Servizi è centrale nell’attività di AsConAuto: dalla promozione delle campagne ricambi

alla stipula di accordi e convenzioni con imprese leader di mercato, dalla consulenza e formazione verso i

magazzini delle concessionarie alle attività di formazione sulla Rete.

Il tutto supportato da attività di comunicazione e informazione costanti e capillari.

Fatturati Netti iva esclusa
2001: € 60.685.580,95
2010: € 288.164.505,07
2017: € 577.268.787,28
Gran Totale: € 4.380.092.935,86
In primo piano
Il flop dei pick-up premium

17/08/2019 - Tra i costruttori, qualcuno credeva d’inaugurare un nuovo filone capace di contrastare il calo generale delle vendite, così come successe coi Suv, alla fine diventati leader del mercato automobilistico.

Leggi tutto
Ibride in forse per Gm e Vw

14/08/2019 – Molto più che ‘rumors’ quelli provenienti dagli Usa, dove ormai si fanno insistenti le notizie su una possibile rinuncia alla produzione di veicoli ibridi da parte sia della locale General Motors sia della tedesca Volkswagen.

Leggi tutto
Non abbassare la guardia

7/08/20189 - Meno incidenti (172.344, -1,5 per cento), meno morti (3.325, -1,6 per cento), e meno feriti (242.621, -1,7 per cento) sulle strade italiane nel 2018. Lo rivela il Rapporto Aci-Istat sull’incidentalità stradale. Non è però tutto oro quello che luccica.

Leggi tutto
Il mercato auto non inverte la rotta

4/08/2019 – Un luglio sostanzialmente stabile per il mercato auto in Italia: il settimo mese dell’anno si è, infatti, chiuso con 152.800 immatricolazioni. Rimane negativo il cumulato dei primi 7 mesi, con 1.235.698 che indicano una flessione di circa il 3,1 per cento sull’anno precedente.

Leggi tutto