Menu

Cosa Facciamo

Dal 2001 a oggi, i Consorzi AsConAuto hanno distribuito Ricambi Originali per quasi 5 miliardi di euro.

L’attività prevalente dei Consorzi AsConAuto è lo sviluppo delle vendite dei Ricambi Originali da parte delle concessionarie associate verso gli autoriparatori del network.

La costante ricerca di miglioramento ha portato AsConAuto a essere un vero e proprio punto di riferimento sia nazionale che internazionale per il modello di business ancora oggi unico nel suo genere.

L’erogazione di Servizi è centrale nell’attività di AsConAuto: dalla promozione delle campagne ricambi

alla stipula di accordi e convenzioni con imprese leader di mercato, dalla consulenza e formazione verso i

magazzini delle concessionarie alle attività di formazione sulla Rete.

Il tutto supportato da attività di comunicazione e informazione costanti e capillari.

Fatturati Netti iva esclusa
2001: € 60.685.580,95
2010: € 288.164.505,07
2019: € 697.121.488,00
Gran Totale: € 5.077.214.423,86
In primo piano
Mercato dell’auto a picco

2/04/2020 - Precipita il mercato dell’auto a marzo. Causa lockdown sull’intero territorio nazionale a partire dallo scorso 11 marzo ci si è fermati a 28.326 unità, l’85 per cento in meno rispetto allo stesso mese dello scorso anno quando si era toccata quota 194.302 immatricolazioni.

Leggi tutto
Pronti a contrastare il cambiamento (climatico)

31/03/2020 - Gli italiani sono pronti a sostenere misure di contrasto ai cambiamenti climatici, anche se questo può impattare sulla loro vita quotidiana. È quanto emerge dalla seconda edizione dell’indagine sul clima promossa dalla Banca europea per gli investimenti e condotta in partenariato con BVA

Leggi tutto
Slittano le revisioni

29/03/2020 - Nell’ambito delle attività di contrasto alla diffusione del Covid- 19 decise dal Consiglio dei Ministri e inserite nel Decreto ‘Cura Italia, c’è una norma specifica che proroga di qualche mese la scadenza delle revisioni auto.

Leggi tutto
Il prezzo di connettività e basso impatto

24/03/2020 - Connettività e guida autonoma, sebbene destino sempre meno interesse a livello globale, piacciono agli italiani che non sono però disposti a pagare di più per usufruirne. Se devono mettere mani al portafoglio lo fanno per acquistare, invece, un’auto a basso impatto ambientale purché vi siano certezze sulle prestazioni e le modalità di ricarica delle batterie.

Leggi tutto