Menu

Comunicato stampa 05-2017 - "AsConAuto: risultati del primo semestre 2017"

AsConAuto: risultati del primo semestre 2017.

 Il volume complessivo di affari  cresce e va oltre  278 milioni di euro 

Il dato nazionale è in aumento a 2 cifre: +10,7 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Bologna, luglio 2017. AsConAuto nel primo semestre  dell’anno conferma la propria crescita a 2 cifre: +10,7 per cento rispetto al 2016 e registra un primo traguardo nell’anno in corso di oltre  278 milioni di euro di volume d’affari  contabilizzato.

AsConAuto aggrega Consorzi, organizzati su base territoriale, formati dalle Concessionarie nell’obiettivo di realizzare una gestione delle vendite di ricambi originali, efficace ed efficiente, per officine e  carrozzerie indipendenti. 

Una diffusione capillare del uso dei ricambi originali sul territorio e la messa in opera di un sistema commerciale e distributivo ottimizzato, localizzato in modo speciale nelle Regioni del centro-nord Italia, snelliscono la filiera distributiva e garantiscono recupero dei margini di redditività nel modello a rete. L’Associazione in questo modo assicura una crescita costante alla rete. Questo nonostante la forte crisi tra il 2009  e il 2015, del settore automotive che ha visto chiudere circa il 40 per cento dei Concessionari (stima AsConAuto). La creazione di sistemi specializzati, adeguati a esigenze logistiche diversificate, in un processo continuo di valorizzazione delle risorse al servizio dell’automobilista e del mondo automotive, ha permesso al sistema AsConAuto livelli di servizio ottimizzati e risultati economici di rilievo. Ma l’utilizzo del ricambio originale è anche la migliore garanzia contro la diffusione di ricambi contraffatti, che non solo una pericolosa contiguità con il mondo della truffa ma rappresentano un vero e proprio “attentato” alla sicurezza degli automobilisti.

La formula è originale. Servizi diversificatiinnovazione e ricerca di partnership  garantiscono lo sviluppo efficace del progetto associativo e assicurano all’Associazione il primato europeo nel settore, facendone un modello da seguire.

Fabrizio Guidi, presidente di AsConAuto - Associazione Consorzi Concessionari Auto osserva: “Abbiamo cercato subito di facilitare la comunicazione tra concessionari e autoriparatori per l’acquisto e la vendita dei ricambi originali e oggi lo facciamo, ancora meglio, attraverso Integra: unica piattaforma realizzata su licenza Star della NADA, che mette in comunicazione la piattaforma gestionale dell’officina e quella delle concessionarie; ma non solo, abbiamo aggiunto un decodificatore che fa vedere gli spaccati dei ricambi per fare ordini senza rischio di errore. Tutta la attività interna di AsConAuto, verso i nostri affiliati e verso i nostri soci, si basa sulla comunicazione digitale. Nel futuro, dopo aver appena consegnato un’app che riguarda il mondo dei concessionari, ne lanceremo una per il mondo degli autoriparatori che darà la possibilità di conoscere i loro dati e le loro prestazioni nei consorzi e nella Associazione. La utilizzazione delle nuove tecnologie a supporto dell’attività quotidiana è una risorsa importante per sostenere lo sviluppo e per fare fronte in modo efficace al cambiamento in corso. La riflessione in comune sulle possibili sinergie e sui risparmi realizzabili, il parlare di numeri, di previsioni e di risultati - sottolinea Guidi - ha permesso di ampliare la gamma di offerte e di strumenti a disposizione,  nell’obiettivo di fidelizzare la clientela degli autoriparatori clienti. E il progetto associativo interviene anche su aree collegate alle nuove tematiche emerse nel mercato del lavoro. Un nuovo contratto, formulato proprio per il comparto automotive, è una nuova importante risorsa che l’Associazione, da quest’anno, è in grado di mettere a disposizione degli associati AsConAuto, ma anche di chi ne voglia fare uso nel mercato specifico”.

 

I 907 Concessionari, soci dei 21 Consorzi,  che compongono la rete associativa sviluppano il fatturato per gli autoriparatori, che ormai sono 19.217 e anche il primo semestre 2017 ribadisce la crescita continua del volume d’affari  che aumenta del   10,7 % con un  risultato che ha superato i  278 milioni di euro di ricambi originali fatturati. Dal 1996 a oggi sono stati distribuiti ricambi originali per un valore netto che oltrepassa i miliardi di euro: un risultato fuori del comune. Altro dato da rilevare con soddisfazione è che la rete incassi, messa a punto e realizzata dall’Associazione, garantisce una soglia d’insolvenza nella riscossione delle fatture prossima allo zero. 

Ogni giorno lavorativo la squadra composta da 92 promotor e da 259 furgoni addetti alla logistica della rete associativa percorrono in chilometri oltre il giro completo dell’equatore, per garantire affidabilità e puntualità da parte della rete AsConAuto nel presidio capillare  del servizio di ricambi originali sul territorio.

 La rete associativa interviene con una forza qualificata di circa 350 persone fra logistica e front-office a sostegno del sistema AsConAuto, ormai realtà consolidata e diffusa capillarmente sul territorio: garanzia di affidabilitàcompetenza e professionalità

In primo piano
Il flop dei pick-up premium

17/08/2019 - Tra i costruttori, qualcuno credeva d’inaugurare un nuovo filone capace di contrastare il calo generale delle vendite, così come successe coi Suv, alla fine diventati leader del mercato automobilistico.

Leggi tutto
Ibride in forse per Gm e Vw

14/08/2019 – Molto più che ‘rumors’ quelli provenienti dagli Usa, dove ormai si fanno insistenti le notizie su una possibile rinuncia alla produzione di veicoli ibridi da parte sia della locale General Motors sia della tedesca Volkswagen.

Leggi tutto
Non abbassare la guardia

7/08/20189 - Meno incidenti (172.344, -1,5 per cento), meno morti (3.325, -1,6 per cento), e meno feriti (242.621, -1,7 per cento) sulle strade italiane nel 2018. Lo rivela il Rapporto Aci-Istat sull’incidentalità stradale. Non è però tutto oro quello che luccica.

Leggi tutto
Il mercato auto non inverte la rotta

4/08/2019 – Un luglio sostanzialmente stabile per il mercato auto in Italia: il settimo mese dell’anno si è, infatti, chiuso con 152.800 immatricolazioni. Rimane negativo il cumulato dei primi 7 mesi, con 1.235.698 che indicano una flessione di circa il 3,1 per cento sull’anno precedente.

Leggi tutto