Menu

Comunicato stampa 04-2017 - "Primo Contratto Nazionale di Lavoro per il settore Automotive. AsConAuto lavora a supporto di tutto il comparto. "

Primo Contratto Nazionale di Lavoro per il settore Automotive. AsConAuto lavora a supporto di tutto il comparto.

Verona, 17 maggio 2017.La volontà di  lavorare per creare un contratto specifico ha fatto da volano – sottolinea il presidente AsConAuto Fabrizio Guidi - per chiudere il percorso  di lavoro avviato dall’Associazione in tempi brevi. La creazione di un contratto di lavoro ideato per il settore automotive e da offrire, in primis, alla rete dei concessionari è stata identificata come obiettivo fortemente voluto e strategico per la nostra Associazione. Per tutti noi è particolare motivo di orgoglio il raggiungimento di questo nuovo importante traguardo per recuperare efficienza e fornire servizi in grado di allinearsi alle richieste differenti del mercato”

La promessa di avere un contratto ad hoc, fatta dal presidente Guidi  nel 2015 proprio durante l’Automotive DealerDay a Verona, diviene da quest’anno una concreta opportunità per tutto il settore automotive e non solo per gli associati alla rete AsConAuto.

CCNL Automotive fornisce un contributo per dare valutazione al merito, verificare risultati, incentivare e adottare un sistema a provvigione, con una specificità di attenzione agli orari in uso nelle concessionarie e un maggior utilizzo di strumenti detassati, quali   benefit o altri strumenti in ambito assicurativo, sanitario e previdenziale. Il primo contratto di lavoro  specifico incentiva una maggiore responsabilizzazione di tutte le professionalità interne e utilizza in modo strutturale e originale incentivazioni, flessibilità e merito. 

Nell’intento di supportare con un maggiore vigore operativo, oltre che di elaborazione, nuovi progetti così come quelli consolidati, si è scelto di dare uno sviluppo separato alle nuove sfide costituendo nel 2016 Ascodealer. Presidente eletto della nuova Associazione è Fabrizio Guidi

Ascodealer nasce proprio per dare servizi dedicati alle aziende del settore automotive servizi - il nuovo contratto di lavoro è il primo capitolo -, in modo da riuscire a incidere su regole e costi che riguardano le aziende del comparto. E’ accessibile a tutti i concessionari e titolari di service, non solo a quelli legati ai Consorzi  AsConAuto e si apre, come associazione di servizi, alla collaborazione con Federauto e  con tutte le componenti federative dei Concessionari. Rileva il presidente Guidi: La gestione del contratto richiede che vi sia una struttura fortemente dedicata, che inizi a occuparsi di servizi pensati per tutta   la categoria ed è per questo motivo che l’invito che rivolgo oggi a tutti   è proprio quello   di associarsi ad Ascodealer per essere protagonisti in una Associazione che permetterà di essere titolari dei servizi dedicati alle proprie aziende e di incidere su regole e costi”.

AsConAuto insieme a CFC - Confimea ha collaborato alla individuazione della struttura del contratto di lavoro per il settore automotive in modo da definire un contratto dedicato per permettere di lavorare  meglio e in modo più  adeguato a un mercato che è cambiato profondamente e che presenta comportamenti e richieste differenti da parte della clientela.

UGL-Unione Generale del Lavoro è la controparte sindacale che ha discusso con Federmobilità - la Federazione del settore di CFC - Confimea di cui AsConAuto fa parte - la negoziazione del contratto.  Consulenti esperti hanno curato definizione e stesura del contratto, esponenti della rete associativa hanno rappresentato la parte imprenditoriale, i presidenti dei consorzi dell’Associazione hanno sostenuto il progetto, in un lavoro comune e complesso per arrivare a formulare un contratto ad hoc: una pietra miliare  che ridisegna un sistema retributivo e premiante alla luce delle nuove necessità del mercato con una formula innovativa in grado di conciliare gli interessi delle parti.

AsConAuto-Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto è stata fondata nel 2001, per iniziativa di alcuni imprenditori innovativi del settore Automotive, con l’obiettivo di potenziare l’offerta di ricambi originali a costi contenuti, grazie a un processo di ottimizzazione delle risorse e a un efficiente servizio di distribuzione a officine e carrozzerie. 

La valorizzazione delle sinergie distributive sul territorio assicura nel Paese la presenza del maggior numero possibile di marchi automobilistici in modo capillare e interventi di alta qualità e professionalità nell’assistenza al cliente. 

Oltre 15 anni di crescita. 21 Consorzi, 889  Concessionari con 1.458 sedi operative (totalità dei marchi rappresentati), 18.751 autoriparatori  dislocati in 73 Province e 16 Regioni, 98 promoter, 262 mezzi per la logistica, sono una realtà in espansione a dimostrazione delle capacità  dell’Associazione di costituire  una sorta di snodo centrale dei rapporti imprenditoriali tra chi  vende automobili  e chi  si prende cura della vettura nella fase post-vendita, come officine, elettrauto e carrozzieri.  

Ascodealer, fondata nel 2016, è una Associazione aperta a tutti i concessionari e titolari di service, non solo a quelli legati ai Consorzi Asconauto. 

È nata per offrire servizi  - il nuovo contratto di lavoro  è il primo capitolo -  e si apre alla collaborazione con Federauto e  con tutte le componenti federative dei Concessionari.

 

                                         I numeri di AsConAuto sono aggiornati in tempo reale sul sito.

In primo piano
Il flop dei pick-up premium

17/08/2019 - Tra i costruttori, qualcuno credeva d’inaugurare un nuovo filone capace di contrastare il calo generale delle vendite, così come successe coi Suv, alla fine diventati leader del mercato automobilistico.

Leggi tutto
Ibride in forse per Gm e Vw

14/08/2019 – Molto più che ‘rumors’ quelli provenienti dagli Usa, dove ormai si fanno insistenti le notizie su una possibile rinuncia alla produzione di veicoli ibridi da parte sia della locale General Motors sia della tedesca Volkswagen.

Leggi tutto
Non abbassare la guardia

7/08/20189 - Meno incidenti (172.344, -1,5 per cento), meno morti (3.325, -1,6 per cento), e meno feriti (242.621, -1,7 per cento) sulle strade italiane nel 2018. Lo rivela il Rapporto Aci-Istat sull’incidentalità stradale. Non è però tutto oro quello che luccica.

Leggi tutto
Il mercato auto non inverte la rotta

4/08/2019 – Un luglio sostanzialmente stabile per il mercato auto in Italia: il settimo mese dell’anno si è, infatti, chiuso con 152.800 immatricolazioni. Rimane negativo il cumulato dei primi 7 mesi, con 1.235.698 che indicano una flessione di circa il 3,1 per cento sull’anno precedente.

Leggi tutto