Menu

Comunicato stampa 02-2017 - "AsConAuto con un volume d’affari di 507.403.802 euro nel 2016 in crescita complessiva del 12,5% sull’anno precedente conferma il successo della propria formula".

AsConAuto, l’Associazione che innova,

con un volume d’affari di 507.403.802 euro nel 2016

in crescita complessiva del 12,5% sull’anno precedente

conferma il successo della propria formula.

 

Un progetto  innovativo - ideato e messo in atto dall’Associazione in poco più di 15 anni di attività, tramite l’ aggregazione di Consorzi, organizzati su base territoriale e formati dalle Concessionarie per realizzare una gestione delle vendite di ricambi originali, efficace ed efficiente, per officine e carrozzerie indipendenti - produce per  il sistema AsConAuto livelli di servizio ottimizzati e risultati economici di rilievo.

Il volume d’affari di 507.403.802 euro raggiunto dal sistema AsConAuto  nel 2016 e un aumento complessivo, rispetto all’anno precedente, del 12,5 per cento su base nazionale - tutti i Consorzi della rete associativa presentano risultati economici positivi - confermano con le cifre il dato della costante crescita annuale e il successo della formula adottata.

La  rete associativa  prevede oggi 21 aree di distribuzione e la creazione di sistemi e servizi specializzati, idonei  a esigenze logistiche  assai diversificate, in un continuo processo di valorizzazione delle risorse al servizio dell’automobilista e del comparto automotive. La diffusione in modo  capillare dei ricambi originali sul territorio e l’attivazione di un sistema commerciale e distributivo, ottimizzato per i  18.751 autoriparatori oggi serviti, rendono più efficiente la filiera distributiva e  assicurano un recupero dei margini di redditività attraverso il modello a rete.  La formula ideata si è rivelata adatta ad assicurare una  crescita costante agli aderenti alla rete associativa,  malgrado la forte crisi del settore automotive che si è manifestata tra il 2009 e il 2015 causando la chiusura del 40% della rete dei Concessionari (stima AsConAuto).

“L’Associazione in poco più di 15 anni  di attività è stata in grado di mettere in rete il 60% delle concessionarie italiane”. Fabrizio Guidi, presidente AsConAuto, rileva: “Che la creazione di una rete associativa in grado di recuperare efficienza grazie a un sistema ottimizzato e di fornire i servizi allineati alle richieste differenti di un mercato in profondo mutamento sia efficace  lo testimoniano anche i numeri della rete. In 21 aree di distribuzione sono ormai 12.373  le officine alle quali il sistema associativo fornisce i propri servizi, cresciute dell’8%  nello scorso anno rispetto al 2015 e 5.508  le carrozzerie servite, con un aumento del 7% nello scorso anno su quello precedente”.

“I risultati registrati dalla nostra rete incassi, ancora una volta, confermano una crescita nazionale del volume d’affari che aumenta del 12,5%, con un risultato che ha superato la soglia  di 500 milioni di euro di ricambi originali fatturati: un risultato che ci fa perseverare negli sforzi intrapresi. Altro dato che ci conforta è che la rete incassi realizzata dall’Associazione garantisce una soglia d’insolvenza nella riscossione che è inferiore allo 0,5 per cento”. Il presidente Guidi  continua: “I Consorzi dei concessionari hanno dato un contributo essenziale ai risultati ottenuti, attraverso la riflessione  comune e il confronto sulle sinergie praticabili e sui risparmi realizzabili. Parlare di numeri, di previsioni e di risultati ha permesso di  arricchire la gamma di offerte e strumenti a disposizione, nella volontà di fidelizzare la clientela degli autoriparatori clienti”.

Oggi la rete associativa interviene con una forza qualificata di oltre 350 persone fra logistica e front office a supporto della rete AsConAuto: una realtà consolidata e diffusa in modo capillare sul territorio, affermatasi come garanzia di affidabilitàcompetenza e professionalità

Nota bene: i dati sopracitati dal presidente Guidi si riferiscono alle rilevazioni del sistema AsConAuto effettuate alla data del 31 dicembre 2016.

 AsConAuto-Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto è stata fondata nel 2001, per iniziativa di alcuni imprenditori innovativi del settore Automotive, con l’obiettivo di  potenziare l’offerta di ricambi originali a costi contenuti, grazie a un processo di ottimizzazione delle risorse e a un efficiente servizio di distribuzione a officine e carrozzerie. La valorizzazione delle sinergie  distributive sul territorio  assicura nel Paese la presenza del maggior numero possibile di marchi automobilistici in modo capillare e interventi di alta qualità e professionalità nell’assistenza al cliente. 

I dati sono aggiornati in tempo reale sul sito.

Oltre 15 anni di crescita. 21 Consorzi,  896  Concessionari con 1.461 sedi operative (totalità dei marchi rappresentati), 18.720 autoriparatori  dislocati in 73 Province e 16 Regioni sono una realtà in espansione a dimostrazione delle capacità  dell’Associazione di costituire  una sorta di snodo centrale dei rapporti imprenditoriali tra chi  vende automobili  e chi  si prende cura della vettura nella fase post-vendita, come officine, elettrauto e carrozzieri.  

In primo piano
Il flop dei pick-up premium

17/08/2019 - Tra i costruttori, qualcuno credeva d’inaugurare un nuovo filone capace di contrastare il calo generale delle vendite, così come successe coi Suv, alla fine diventati leader del mercato automobilistico.

Leggi tutto
Ibride in forse per Gm e Vw

14/08/2019 – Molto più che ‘rumors’ quelli provenienti dagli Usa, dove ormai si fanno insistenti le notizie su una possibile rinuncia alla produzione di veicoli ibridi da parte sia della locale General Motors sia della tedesca Volkswagen.

Leggi tutto
Non abbassare la guardia

7/08/20189 - Meno incidenti (172.344, -1,5 per cento), meno morti (3.325, -1,6 per cento), e meno feriti (242.621, -1,7 per cento) sulle strade italiane nel 2018. Lo rivela il Rapporto Aci-Istat sull’incidentalità stradale. Non è però tutto oro quello che luccica.

Leggi tutto
Il mercato auto non inverte la rotta

4/08/2019 – Un luglio sostanzialmente stabile per il mercato auto in Italia: il settimo mese dell’anno si è, infatti, chiuso con 152.800 immatricolazioni. Rimane negativo il cumulato dei primi 7 mesi, con 1.235.698 che indicano una flessione di circa il 3,1 per cento sull’anno precedente.

Leggi tutto